13.9 C
Belluno
venerdì, Novembre 27, 2020
Home Cronaca/Politica Immigrazione. Zaia: "Al 23 giugno sono arrivati in 23.422 in Veneto, di...

Immigrazione. Zaia: “Al 23 giugno sono arrivati in 23.422 in Veneto, di cui 14.036 già fantasmi. 4 su 5 non sono rifugiati”

Zaia“Secondo i dati in nostro possesso, gli immigrati arrivati in Veneto a tutto il 23 giugno scorso sono stati 23.422, quelli presenti nelle strutture temporanee 9.386. Il 59,92% di queste persone, cioè 14.036, sono di fatto fantasmi: nessuno si sa chi siano, dove siano, cosa facciano, se soffrano o se siano entrati nel giro della malavita. Nel frattempo i dati della Prefettura di Vicenza su quattro mesi di lavoro della commissione per il riconoscimento dello status, attestano che 4 richiedenti su 5 non sono considerabili rifugiati. E ora dove andranno? Cosa ne faranno? Il Governo sa dirci con certezza se andranno in un altro Paese europeo o se saranno rimpatriati? E se sì, come e quando? La situazione sfugge di mano a chi dovrebbe governarla ogni giorno di più. Lo dicono i numeri e i numeri non mentono”.

Sono dati inediti quelli che snocciola il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia, commentando la situazione dell’immigrazione in Veneto e il fenomeno degli sbarchi in Italia che da giorni si contano a migliaia.

“Chiamare questa situazione emergenza è poco – incalza Zaia – perché siamo di fronte a un fenomeno che l’inerzia europea e italiana non sono capaci nè di disciplinare, né di arginare. Ogni giorno qualcuno si inventa qualcosa, molti dichiarano a sproposito che tutto è sotto controllo, annunciando nuovi vertici prevedibilmente simili ai precedenti, cioè perfettamente inconcludenti. Intanto gli immigrati arrivano ogni giorno, e praticamente ogni giorno vengono scaricati come pacchi postali, senza rispetto né per la loro dignità né per i territori e per i Sindaci, che vengono costretti ad affrontare situazioni impossibili e socialmente a volte pericolose. Solo scorrendo la stampa di oggi – segnala Zaia – troviamo Marostica (Vicenza) che dice no ai profughi a San Floriano; Mozzecane (Verona) con il Comune che fa muro contro la decisione della Prefettura di ospitare immigrati in case private, definendola un atto di forza; il Conselvano (Padova) i cui Sindaci ‘arrabbiati’ dicono ‘basta ai migranti’. Non sono razzisti, sono bravi amministratori che non ce la fanno più”.

“Intanto – aggiunge Zaia allargando l’orizzonte – gli eurosauri di Bruxelles si stracciano le vesti per la ‘Brexit’ inglese che, a prescindere dagli effetti reali che avrà, è un messaggio chiaro di un popolo contro l’inefficienza e la lontananza dalla realtà dei territori della burocrazia europea, cadregara, parolaia e nulla più. Nessuno di costoro si è ancora chiesto perché è successo? Di certo uno dei perché è l’immigrazione numericamente insostenibile, spesso irregolare, che in Inghilterra ha messo in crisi il sistema del welfare e quello del lavoro e che, se non si fa qualcosa di concreto, presto porterà ad altre Brexit da parte di popoli che chiedono di essere governati, non comandati a bacchetta, subendo ora le tasse esagerate, ora il taglio della loro assistenza sanitaria o sociale, ora l’ossessione della burocrazia, adesso anche l’immigrazione di massa, troppo spesso irregolare, quasi sempre mal gestita, sempre sottovalutata in nome di un buonismo ipocrita che non intende rendersi conto che a tutto c’è un limite. L’unica vera risposta umanitaria da dare – conclude Zaia – è il blocco dei traffici di carne umana che produce un business miliardario e planetario; la creazione di centri di accoglienza sulle coste del Nordafrica dove curare i bisognosi, identificare tutti e respingere chi non è un vero profugo; la conseguente attivazione di corridoi umanitari che portino in salvo chi fugge davvero da fame, guerre e persecuzioni etniche o politiche; l’utilizzo dei miliardi di euro che ora si buttano in un’accoglienza che non è tale per creare le occasioni di sviluppo, case, scuole, ospedali, lavoro, nei Paesi da cui i flussi originano”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Libri “take away”: la Provincia organizza la rete bibliotecaria. Deola: «Ruolo importantissimo della cultura, che in questo periodo può alleggerire i timori e le...

Le biblioteche sono chiuse: lo stabilisce l'ultimo Dpcm. Ma la cultura non rimane ferma. Nei prossimi giorni il prestito dei libri potrà essere garantito...

Siti Unesco in dialogo. Incontro tra il Parco Nazionale di Zhangjiajie Cinese e le Dolomiti

Una Lettera di Intenti tra il Comune di Belluno e il Distretto di Wulingyuan del Governo di Zhangjiajie è stata ufficializzata e presentata in...

Luigina Tollot è il nuovo primario di Oculistica di Belluno

Luigina Tollot è stata nominata direttore della Unità Operativa Complessa di Oculistica di Belluno. Dopo il pensionamento del dott. Sperti lo scorso giugno, è...

Un drive-in tamponi anche a Ponte nelle Alpi: sarà attivo da lunedì 

Anche il territorio di Ponte nelle Alpi avrà il suo drive-in per effettuare i tamponi. Sorgerà a Nuova Erto, nella zona delle casette degli Alpini,...
Share