13.9 C
Belluno
mercoledì, Novembre 25, 2020
Home Cronaca/Politica Frana Acquabona, Berti e D'Incà (M5S): "Zaia non può sempre dare la...

Frana Acquabona, Berti e D’Incà (M5S): “Zaia non può sempre dare la colpa agli altri, è il momento di agire. Si usino i 70 milioni pronti per i mondiali di sci per iniziare i lavori sulla viabilità”

Jacopo Berti
Jacopo Berti

L’ennesima frana ha bloccato nelle scorse ore la strada statale Alemagna ad Acquabona, a pochi chilometri da Cortina.

“È arrivato il momento di dire basta a queste situazioni – spiega il capogruppo del Movimento 5 Stelle in consiglio regionale, Jacopo Berti – se il governo regionale non è in grado di rispondere a una semplice esigenza della montagna veneta, allora l’opposizione deve assumere un ruolo attivo e di governo. Zaia non può sempre abbaiare alla luna distribuendo colpe e responsabilità a destra e a manca. E non è certo con una vagonata di tweet e post su Facebook che si risolve un problema simile, la frana di Acquabona se ne frega dei social”.

“Quella strada è vitale per i miei concittadini e per l’intera valle – continua Berti, la cui famiglia proviene proprio da Cortina – serve una soluzione immediata e le frane non hanno certo colore politico. È arrivato il momento di dire basta alle polemiche e allo scaricabarile che non ha prodotto fin qui nessun risultato utile, ma bisogna fare in fretta. In queste ore sto ricevendo moltissime telefonate da parte degli abitanti di Cortina e di tutta la valle”.

Federico D'Incà
Federico D’Incà

“Che si apra il cantiere – gli fa eco il parlamentare bellunese Federico D’Incà, che ha già coinvolto il Governo con alcune interrogazioni – se è vero che già ci sono 70 milioni di euro pronti per i mondiali di Cortina per iniziare le opere per il miglioramento della viabilità, questi devono essere messi a disposizione subito a partire da quella che è la più grave situazione di pericolo per cittadini e turisti. Non abbiamo tempo da perdere, non possiamo sempre e solo sperare che il sistema di vigilanza e la protezione civile risolvano un problema cronico che può trasformarsi in una tragedia. Se i soldi ci sono, gli interventi devono essere programmati”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Appropriazione indebita aggravata e continuata. Denunciato dipendente della Mares Ortofrutta di Sedico

I carabinieri di Sedico, a conclusione delle indagini, hanno denunciato in stato di libertà per appropriazione indebita aggravata e continuata uno dei dipendenti dell'esercizio...

Sabato a Belluno riaprono tutti i mercati

Belluno, 25 novembre 2020 - Il sindaco di Belluno, Jacopo Massaro, ha firmato oggi l'ordinanza che consentirà nella giornata di sabato la riapertura di...

Impianti sciistici. Carraro (Confindustria Veneto) e Berton (Confindustria Belluno): la salute pubblica non si discute, ma non può esserci concorrenza sleale

«Fin dall'inizio della pandemia abbiamo detto che la salute pubblica viene prima di tutto. Lo confermiamo anche in questa occasione. Ma non va dimenticato...

Incendio di un’abitazione a Umin. Attivate le misure di sostegno al nucleo familiare. Aperta una sottoscrizione

A seguito dell’incendio che ha gravemente danneggiato nel tardo pomeriggio di martedì 24 novembre un’abitazione situata nella frazione di Umin, l’Amministrazione ha prontamente attivato...
Share