13.9 C
Belluno
mercoledì, Novembre 25, 2020
Home Cronaca/Politica Fare! incontra Sappada. Flavio Tosi e Raffaela Bellot ospiti del sindaco Piller...

Fare! incontra Sappada. Flavio Tosi e Raffaela Bellot ospiti del sindaco Piller Hoffer. Incontro pubblico

Leonardo Colle, Flavio Tosi, Raffaela Bellot
Leonardo Colle, Flavio Tosi, Raffaela Bellot

“In queste settimane, parlando di Sappada, continua da diverse parti l’escalation di uscite sensazionalistiche per titoli ad effetto. Vedendo da dove arrivano viene piuttosto facile pensare che siano tutte operazioni atte a distogliere l’attenzione dal punto centrale di tutta la questione”.

Queste la parole della senatrice Raffaela Bellot, mentre da Roma si prepara all’incontro di sabato 30 aprile alle ore 15.00 nella Sala Consiliare del Municipio di Sappada.

“Noi preferiamo incontrare i referendari – prosegue la senatrice bellunese -. Sappada non è e non deve essere un capro espiatorio per le negligenze del passato. Sappada non deve essere strumentalizzata per minacciare misure poco verosimili per efficacia o per evocare scenari apocalittici di un Veneto in frantumi.

La demagogia porta spesso con sé un’apparente dose di fascino ma, come la cattiva imitazione di un buon profumo, rischia a grosse dosi di far salire la nausea.

Non dimentichiamo questo: i sappadini non sono infuriati perché non sono passati in FVG. I sappadini sono infuriati perché, dopo aver fatto i compiti diligentemente per 8 anni, il giorno in cui finalmente dovevano ricevere una risposta, positiva o negativa che fosse, sono stati snobbati e rimessi nello sgabuzzino di “forse un giorno”.

Quindi le grandi preoccupazioni di PD e Lega Nord per l’unità del Veneto, l’equità nei confronti del resto dei Comuni bellunesi, la coesione, la visione d’insieme e tutto quanto vanno dichiarando dal 16 marzo scorso, sono semplici tentativi di spostare il fulcro della questione: non si sono presi la responsabilità di votare per un sì o per un no. Peggio ancora, con il gesto perpetrato in Senato si sono messi al di sopra del volere popolare, ignorando un iter costituzionalmente conquistato.

Se ritenevano – improvvisamente, visto il percorso di questi anni – che fosse pericoloso, incoerente ed ingiusto dire SI’ alla richiesta di Sappada, potevano dire NO. Metterci la faccia e dire NO. Difficile sicuramente dopo anni di proclami e promesse, ma dovevano avere quel minimo di rispetto che porta a dare una risposta.

Dal canto nostro vogliamo continuare a restare semplici, chiari e pragmatici. Organizziamo questo incontro per fare i punto assieme alla cittadinanza.

Siamo grati al sindaco di Sappada che ci accoglie – conclude la senatrice Bellot –  sarà un’occasione per confrontarci non solo sullo storico, ma soprattutto sulle prospettive future. Ci sarà sicuramente un lavoro di prospettiva da fare, probabilmente non semplice. Ma la fatica non ci ha mai spaventati.”

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Incendio distrugge una abitazione ad Umin di Feltre

Feltre, 24 novembre 2020 Dalle ore 17, i vigili del fuoco sono impegnati per domare  l’incendio sviluppatosi in una casa in via Umin, 5...

Zaia presenta in diretta Facebook l’ordinanza breve valida dal 25 novembre al 4 dicembre

Sarà in vigore da domani, mercoledì 25 novembre, fino a venerdì 4 dicembre. Il 3 dicembre dovrebbe uscire il nuovo Dpcm valido per l'intero...

Flavia Monego: «Il ruolo della donna nel mondo del lavoro è sempre più difficile»

«Mi sono insediata un mese fa e ancora non mi capacito di quanto lavoro ci sia da fare per contrastare e prevenire la violenza...

Violenza donne. In Veneto 3.174 vittime accolte nei centri. Lanzarin: “Prosegue l’impegno finanziario per sostenerli”

Venezia, 24 novembre 2020  Sono 3.174 le donne seguite con percorso specifico dai Centri antiviolenza del Veneto in tutto l’anno scorso. Una flessione minima, 82...
Share