13.9 C
Belluno
lunedì, Ottobre 3, 2022
Home Cronaca/Politica Non volete i migranti? Liberate l'Africa dalla vostra presenza invadente nell'economia ...

Non volete i migranti? Liberate l’Africa dalla vostra presenza invadente nell’economia * di Régine Dang

immigratiTutti ne hanno parlato in prima pagina di tutti i media. Ogni giorno, almeno due sfortunati bambini muoiono a causa di maltrattamenti, fame, malattie, sete, stupro, senza che ciò interessi i cosiddetti “grandi media”.
I migranti hanno rapito le prime pagine dei giornali solo perché i “”grandi” del mondo hanno deciso di affrontare una situazione minacciosa per la loro permanenza al potere. Non avevano altra scelta.
Tutti questi fuggitivi che irrompono in Europa, sono scremati da guerre a durata indeterminata e schiacciati dalle catastrofi umanitarie come la fame o le epidemie croniche in Africa. A pilotarle sono grandi gruppi finanziari, dai lussuosi uffici occidentali, che speculano vergognosamente sui beni di prima necessità.

Tutti questi fuggitivi sono stanchi di essere i soliti malcapitati, stanchi di essere terzomondisti.
Queste orde di uomini in fuga, spogliati di ogni soluzione domestica, spogliati della loro nazione, spogliati del loro futuro, spogliati della loro dignità, si gettano ciecamente sulla strada dell’esilio con l’ultima energia sempre tenuta d’acconto, quella della disperazione.
L’Europa inorridita e inquieta vede arrivare alle sue porte, non più solo i soliti subsahariani, i soliti abbonati degli uffici per aiuti umanitari, inquilini naturali dei ghetti-campi rifugiati, ricettatori loro malgrado degli avanzi dell’Occidente, uomini che sporcano i bei boulevard europei, ma orde umane venute dall’Oriente!
Forse dei potenziali terroristi? Chi può mai dire ciò che si nasconde dietro il viso esausto e affaticato di un fuggitivo!
Dopotutto, questa gente, noi non la conosciamo, non abbiamo la stessa cultura.
Noi siamo civilizzati, abbiamo la democrazia, i nostri figli sono ben educati, sanno leggere e scrivere, parlano correntemente lingue straniere, sono socievoli con i loro simili, sanno stare a tavola, sono onesti e grandi lavoratori. I nostri adolescenti hanno ognuno tre telefonini, le nostre studentesse sono carine e in linea.
Chi dunque sono questi Nzuma, questi El Chakri, questi Mustfa e cosi via?
E cosa sono questi dialetti incomprensibili! Cosa significano esattamente questi sguardi stravolti, queste mani tese, questi bambini commoventi, queste donne d’altrove, queste vite a noi sconosciute! E questi stracci puzzolenti che avete addosso!
Che cos’è questo desiderio d’umanità? Siete terzomondisti, dovete rimanere nel terzo mondo!

“Non venite in Europa, non date retta agli scafisti, non rischiate la vostra vita e i vostri soldi, non serve a niente!”
Questo è stato l’appello carico d’emozione lanciato da Donald Tusk, presidente del consiglio europeo ai migranti economici.
In altri termini, dice: “crepate a casa vostra vi prego, non c’è posto per voi qui in Europa, nemmeno nei cimiteri; luogo dove molti di voi rischiano di terminare la loro corsa”.

Questo è un fatto assodato già da molti anni. I migranti muoiono in massa su tutti i fronti della loro missione di sopravvivenza. Nessun allarme ferma la loro marcia. L’istinto di sopravvivenza è sempre l’ultimo a morire.
Occidente, rassegnati dunque a veder la tua preziosa “cultura” mischiata a tutte le salse. Oppure, puoi scegliere di guardarti allo specchio e riconoscerai senza dubbio gli effetti collaterali della conquista delle colonie a colpi di frusta, di lavori forzati e di uccisioni. Riconoscerai gli effetti collaterali d’ingerenza umanitaria, d’esportazione della democrazia a colpi di fucile.

Una briciola di speranza c’è per te: potresti per esempio liberare l’Africa della tua presenza invadente nella sua economia. In tale caso, può darsi che la metà nera dei tuoi ghetti per rifugiati si svuotino a breve.

Régine Dang *

* scrittrice camerunese

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Il Comune di Belluno vara il nuovo regolamento degli annunci mortuari

E’ entrato in vigore il “Regolamento di disciplina delle modalità di affissione degli annunci mortuari”. Si tratta del primo documento emanato dal Comune di...

Nasce “I Giovani al Cinema” Abbonamento a prezzo agevolato riservato agli under 35

Promuovere, presso le generazioni più giovani, il ruolo della sala cinematografica quale spazio culturale in cui la visione di un film sia un’occasione di...

Rappresentanze cittadini: no all’ampliamento della Metalba di Fortogna. Martedì alle 17:30 l’incontro on-line

Domani, martedì 4 ottobre, alle ore 17.30 ci sarà l’inchiesta pubblica per discutere le osservazioni presentate da alcuni cittadini di Feltre e di Fortogna...

Quando dalla montagna si partiva… Emigrazioni e storie di emigranti a Seravella. Dal 7 al 24 ottobre la mostra fotografica

Riprendono le attività culturali al Museo etnografico della Provincia di Belluno. La villa di Seravella (Cesiomaggiore) sta preparando un vasto calendario di appuntamenti didattici...
Share