13.9 C
Belluno
domenica, Novembre 1, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Apre in Crepadona la mostra "Domus Dolomiti Open Museum"

Apre in Crepadona la mostra “Domus Dolomiti Open Museum”

Palazzo Crepadona, sede della Biblioteca civica di Belluno
Palazzo Crepadona, sede della Biblioteca civica di Belluno

Si inaugura questa sera alle 18 nel Cubo di Botta a Palazzo Crepadona la mostra “Domus, Dolomiti Open Museum”, iniziativa promossa da Vivaio Dolomiti e Confindustria Belluno Dolomiti. Il progetto dell’architetto Alberto Cecchetto viene raccontato attraverso pannelli e plastici e ha l’obiettivo di stimolare un dibattito sul futuro delle Dolomiti e sul turismo. “Domus” offre una nuova chiave di lettura per il turismo montano per il turismo del Bellunese, territorio ricco di potenzialità ma che ha bisogno di idee innovative che interpretino paesaggio, ambiente e tradizione come una risorsa per il futuro. Domus è una proposta, che mescola conoscenza, ospitalità e benessere.

La mostra sarà aperta dal 4 al 20 dicembre con orario: lunedì – venerdì 16-20, sabato e domenica 10-13 e 16-20. L’ingresso è libero.

L’11 dicembre turismo, futuro e sviluppo saranno declinati in una tavola rotonda organizzata nella sede di Confindustria, alla quale parteciperanno Vivaio Dolomiti, il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, il segretario generale di Eurosportello Veneto e Unioncamere Veneto Gianangelo Bellati, gli assessori regionali Gianpaolo Bottacin e Federico Caner, il sottosegretario al ministero dell’Economia e finanze Pierpaolo Baretta, Flavio Tosi.
Il titolo della serata, su invito, è “Dolomiti, una risorsa da condiVivere”. Cerniera tra il mare e l’Europa, tra quella laguna veneziana con la quale per secoli hanno dialogato tessendo rapporti culturali e commerciali, le Dolomiti rappresentano una risorsa per il Bellunese. Ma per proiettarle nel futuro è fondamentale pensare a modelli di sviluppo del territorio diversi da quelli utilizzati fino ad oggi. Riscoprendo quel legame con Venezia, che corre lungo l’asse del Piave unendo simbolicamente e fisicamente mare e montagna. Realtà che oggi dialogano, ma attraverso un sistema infrastrutturale necessariamente da aggiornare.

Senza timore di pensare in grande, di progettare, di aprire lo sguardo verso soluzioni innovative sull’abitare in montagna, sulle vie di comunicazione, sul modo di fare turismo. Settore in evoluzione, che richiede, oggi come non mai, il coraggio di decidere.

Share
- Advertisment -


Popolari

Escursionista in gravi condizioni, ruzzolato per 200 metri

Taibon Agordino (BL), 31 - 10 - 20   Attorno alle 14 la Centrale del Suem è stata allertata da due escursionisti che avevano perso...

Nasce Gusto in Scena, il periodico di Lucia e Marcello

Dove tutto è alta qualità, sono le idee e i valori storico-culturali delle scelte a creare la differenza. Nasce su queste basi "Gusto in...

Artigiani preoccupati dallo spettro di un nuovo lockdown. Scarzanella: «Garantiamo la prosecuzione delle attività alle imprese che rispettano le regole»

«Gli artigiani, a questo punto, tremano. Abbiamo paura di un nuovo lockdown e siamo in balia dell'incertezza che ne deriverà. Più di qualcuno potrebbe...

Sovracanoni idrici. De Menech: “Belluno rischia di perdere milioni di euro a causa di una proposta di legge di Forza Italia a favore dei...

Roma, 31 ottobre 2020   «Un danno enorme per le amministrazioni locali. La Provincia di Belluno rischia di perdere milioni di euro». Il deputato bellunese...
Share