13.9 C
Belluno
venerdì, Marzo 5, 2021
Home Cronaca/Politica Sui treni solo tagli e niente di migliorativo. Che fa la Provincia?...

Sui treni solo tagli e niente di migliorativo. Che fa la Provincia? La replica del Gruppo consigliare del Partito Democratico di Feltre

pd feltrino“Dal 13 dicembre 2015 la Provincia di Belluno non sarà più collegata direttamente ad un centro importante della pianura veneta laddove avvengono gli interscambi con tutte le principali città italiane, inoltre, con l’introduzione della rottura di carico a Montebelluna, i tempi di percorrenza sulla tratta Calalzo-Padova e Padova-Calalzo aumenteranno ulteriormente e renderanno estremamente svantaggioso l’uso del treno. Sono i dati enunciati da Trenitalia nel famigerato Progetto Belluno”.

Lo afferma in una nota il gruppo consigliare del Partito Democratico di Feltre, consiglieri Marcello Malacarne, Alessandro Del Bianco e Ivan Dalla Marta.

“Apprendiamo oggi – proseguono i consiglieri del Pd – che il sindaco di Calalzo Luca De Carlo considera questa modifica migliorativa rispetto alla situazione attuale e critica pertanto la manifestazione svoltasi a Feltre lo scorso sabato a cui anche noi abbiamo partecipato. Ci chiediamo dunque rispetto a che cosa sia migliorativa la proposta che Trenitalia e Zaia stanno propinando. Si dirà: “così si riducono i ritardi”; ebbene ridurre i ritardi se poi si aumentano i tempi complessivi di percorrenza non è un’operazione molto logica. In più non capiamo in che cosa consista la garanzia della riduzione dei ritardi se non si provvede ad acquistare nuovo materiale rotabile. A tal proposito negli ultimi anni nemmeno un euro che la Regione ha dato a Trenitalia è servito a migliorare la tratta Padova-Calalzo che, non a caso, risulta essere una delle peggiori in Italia. Nemmeno un euro è stato investito per finanziare l’acquisto di nuovi treni dato che nessuna delle nuove motrici acquistate negli ultimi 5 anni è finita sulla nostra tratta, nonostante le ripetute promesse di Zaia. Oggi ci dicono che l’acquisizione di nuovi treni, non potrà avvenire prima di 5 anni, tempo con cui si costruisce un’astronave, non un treno.

E noi dovremmo crederci?

La situazione sostanzialmente è questa: ad oggi la linea Padova Calalzo è funestata da continui ritardi, dovuti essenzialmente ad un materiale rotabile vecchio e non adeguato per cui la soluzione della Regione non è quella (che sarebbe ovvia) di sostituire i treni bensì di istituire una rottura di carico e allungare i tempi di percorrenza. È come se una persona che abita in una casa il cui tetto ha delle infiltrazioni non si adoperasse a restaurare il tetto ma si trasferisse in una tenda. Non si capisce, dunque, perché il sindaco De Carlo definisca migliorativa questa soluzione. Ancora più anomala ci pare quindi la sua dichiarazione secondo cui la manifestazione di sabato sarebbe stata un’azione egoistica della parte bassa della Provincia. A proposito della Provincia, sabato non abbiamo visto né la presidente Larese Filon nel il consigliere delegato Padrin: la loro assenza ci è parsa piuttosto grave per cui chiediamo loro di esprimersi pubblicamente sul tema. Non sarà mica che la pensano come De Carlo? Se si, abbiano almeno il coraggio di dirlo”.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Ritrovato senza vita escursionista di Santa Giustina

San Gregorio nelle Alpi (BL), 4 marzo 2021 - È stato purtroppo ritrovato senza vita, durante la ricognizione dell'elicottero del Suem di Pieve di...

Il sindaco di Belluno Massaro risponde al comitato di Levego e Sagrogna sulle rotatorie

Belluno, 4 marzo 2021 - «Mi spiace rilevare come i rappresentanti del Comitato di Levego e Sagrogna abbiano decisamente sbagliato l'obbiettivo della loro protesta: la...

Progetto antispopolamento Ronce 2020. Assessore Giannone: “Regia mai ferma. Allarghiamo l’area di interesse”

I progetti portati avanti, i temi sui quali insistere maggiormente, i prossimi obbiettivi: a fare il punto sull'attività del progetto Ronce 2020, ideato dall'associazione...

Grave una giovane scialpinista caduta in Palantina

Tambre (BL), 4 marzo 2021 - Sono gravi le condizioni di una giovane scialpinista caduta da un salto di roccia mentre con un'amica risaliva...
Share