13.9 C
Belluno
mercoledì, Ottobre 21, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Sabato a Feltre la Manife-Stazione Sindaci e cittadini uniti in difesa...

Sabato a Feltre la Manife-Stazione Sindaci e cittadini uniti in difesa del treno Calalzo-Padova

trenoL’Amministrazione comunale di Feltre, unitamente all’Unione Montana Feltrina, con il supporto di studenti e comitati, ha organizzato per sabato 21 novembre una manifestazione per dire NO alla soppressione del diretto Belluno-Padova e per chiedere alla Regione investimenti immediati sulla tratta ferroviaria Padova-Calalzo.
La manifestazione inizierà sabato alle ore 12.30 in piazza Isola a Feltre. Da qui partirà un corteo che raggiungerà la stazione di Feltre, dove si terranno alcuni interventi.
Alla manifestazione parteciperanno i sindaci del Feltrino e della Valbelluna, del Primiero e dell’Alto Trevigiano, oltre che studenti, pendolari e cittadini.

 

I motivi della protesta

La Regione Veneto e TrenItalia hanno in progetto di indebolire progressivamente la tratta Calalzo-Padova, istituendo un cambio a Montebelluna. Ciò comporterebbe un aggravio dei tempi di
percorrenza e condizioni ancora più disagevoli per gli utenti del Bellunese e dell’Alto Trevigiano. È un progetto senza futuro e senza investimenti, caratterizzato da treni vecchi e poco capienti per Treviso, da occasionali corse dirette Padova-Belluno, da vecchi e inefficienti treni Montebelluna-Padova. Chiediamo che la Regione Veneto e TrenItalia si impegnino a investire sulla tratta Calalzo-Padova, anche nel tratto
Belluno-Montebelluna, migliorando il servizio reso agli utenti. Da troppi anni attendiamo degli investimenti che arrivano solo sul resto del territorio regionale. Servono nuovi treni, adeguati alle
esigenze dei cittadini. Non è possibile continuare ad assistere a ritardi, rotture e altri inconvenienti frutto dei mancati investimenti, del tentativo di incrementare la mobilità su gomma e del disinteresse sempre più evidente che Venezia dimostra per il nostro territorio. Non è possibile assistere passivamente alla
marginalizzazione che la Regione mette in atto nei confronti della Provincia di Belluno e dei suoi abitanti, disinteressandosi quasi totalmente delle difficoltà di chi vive e abita la montagna. Non basta né un cambio di orario né una promessa di maggior puntualità quando per Regione Veneto e TrenItalia questa è un
treno che arriva con 5’ di ritardo!

Sindaci, studenti e cittadini per la ferrovia bellunese

Share
- Advertisment -


Popolari

Elisoccorso. Azienda Zero vince il ricorso al Tar, Elifriulia condannata al pagamento delle spese processuali

Con sentenza n.102 pubblicata il 13 ottobre 2020 il Tribunale amministrativo regionale del Veneto ha respinto per inammissibilità e per infondatezza il ricorso promosso...

Emergenza Covid, le direttive della Prefettura

Si è tenuta ieri 19 ottobre 2020, in videoconferenza, una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal prefetto, Adriana...

Confcooperative Belluno e Treviso: i prodotti delle coop agroalimentari aiutano le famiglie bellunesi in difficoltà

L’associazione di categoria ha sposato il progetto “La povertà a casa nostra”, promosso da Insieme si può, in occasione di Scoop!: durante la festa...

Treviso nega il patrocinio al convegno di Crisanti. Zanoni: “Nello Zaiastan è vietato criticare il Doge”

Treviso, 20 ottobre 2020   "È vergognoso che la Giunta di Treviso ritiri il patrocinio a un convegno dell'Ateneo di Treviso sulla pandemia perché la...
Share