13.9 C
Belluno
sabato, Febbraio 27, 2021
Home Prima Pagina Longarone e Forno di Zoldo pronti a costituire l'Azienda speciale per la...

Longarone e Forno di Zoldo pronti a costituire l’Azienda speciale per la gestione delle Case di riposo e dei servizi sociali

Riparte tra i Comuni di Longarone e Forno di Zoldo il percorso verso la costituzione dell’Azienda Speciale per la gestione dei servizi residenziali e sociali. Da diversi mesi le due Amministrazioni si sono impegnate ad individuare una forma di condivisione delle strutture che già mantengono rapporti sinergici attraverso la figura del Direttore con evidenti vantaggi economici ed organizzativi.

Camillo De Pellegrin
Camillo De Pellegrin

“A seguito di un’ulteriore e approfondita riflessione – afferma il sindaco di Forno di Zoldo, Camillo De Pellegrin – e nonostante l’approssimarsi del referendum per il Comune unico, abbiamo ritenuto la scelta di condividere il percorso con Longarone quale indifferibile e necessaria per garantire continuità alla struttura e pari dignità fra i due Enti. Una volta avute garanzie sul fatto che i singoli centri di costo saranno mantenuti autonomi e ogni comune eventualmente interverrà a sostegno solo dei propri cittadini, appare controproducente rinunciare alle sinergie economiche e funzionali che la gestione associata può garantire. Inoltre, risulta strategicamente conveniente esercitare il ruolo di ente istituente del nuovo soggetto gestore piuttosto che dover assoggettarsi più avanti alle condizioni imposte da altri enti. Ora apriremo il confronto interno con tutti i consiglieri comunali, convinti della bontà dell’operazione”.

Roberto Padrin
Roberto Padrin

Piena soddisfazione viene espressa dal sindaco di Longarone, Roberto Padrin. “Nei giorni scorsi ci siamo confrontati anche con il gruppo di minoranza per illustrare sia i motivi che ci inducono a questa scelta, sia i vantaggi ottenibili da una condivisione del percorso con Forno di Zoldo. L’obiettivo è ora stendere una bozza di statuto e uno studio di fattibilità da approvare in Consiglio Comunale in modo da giungere entro l’anno alla creazione dell’Azienda cui saranno affidati i servizi nei primi mesi del 2016. Ad oggi tutti i Comuni stanno seguendo questa strada di trasformazione; noi vorremmo, in questo modo, massimizzare i vantaggi unendo le risorse”.
I due Sindaci sono convinti di assicurare così un servizio ancora più efficiente e di qualità. “Questa esperienza – sottolineano – rappresenta il punto di partenza per ulteriori e importanti collaborazioni finalizzate, pur nell’autonomia amministrativa delle due realtà, al raggiungimento di obiettivi comuni che solo sinergicamente si possono raggiungere. Ci preme inoltre affermare che l’operazione sarà realizzata sia nell’interesse degli utenti, sia dei lavoratori cui sarà assicurato un contratto stabile e migliorativo”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Contrattazione sociale in provincia di Belluno: le Linee Guida per il 2021 di Cgil-Cisl-Uil

Lotta alla povertà e alla disuguaglianza sociale, politiche concrete in favore di anziani e giovani, nuove infrastrutture sanitarie per combattere la diffusione del Covid-19....

Nominati da Zaia i nuovi direttori generali della sanità veneta

Venezia, 26 febbraio 2021 - Il presidente della Regione, Luca Zaia, ha nominato oggi i nuovi direttori generali delle nove Ullss, delle due Aziende ospedaliere...

Lupo avvistato nella zona dell’Oltrerai di Ponte nelle Alpi. De Bon: «Nessun rischio per l’uomo. Ma gli animali domestici vanno custoditi adeguatamente»

I tecnici della Provincia e il consigliere delegato Franco De Bon hanno incontrato questa mattina il sindaco di Ponte nelle Alpi, per analizzare la...

Maria Grazia Carraro è il nuovo direttore generale della Ulss 1 Dolomiti

Maria Grazia Carraro, laureata in Medicina e Chirurgia all'Università di Padova, con Specializzazione in Igiene e medicina preventiva, è il nuovo direttore generale della...
Share