13.9 C
Belluno
sabato, Marzo 6, 2021
Home Cronaca/Politica Centraline idroelettriche. Movimento 5 Stelle: “Una mozione per sospendere tutte le concessioni...

Centraline idroelettriche. Movimento 5 Stelle: “Una mozione per sospendere tutte le concessioni inferiori al megawatt”

5-stelle-beppe-grillo-130x130È in programma giovedì mattina il sopralluogo dei tecnici del Genio Civile nel sito in cui dovrebbe sorgere, nelle intenzioni dell’azienda altoatesina Reggelbergbau, una centralina idroelettrica sul Piave: il progetto prevede la costruzione di un impianto di produzione di energia elettrica a Belluno, fra il ponte della Vittoria e il Bailey. L’ultimo sopralluogo dei tecnici, che avrebbero dovuto verificare un altro sito simile a Limana, non è andato a buon fine a causa della presenza massiccia di cittadini, che hanno dato vita a una manifestazione di protesta.

E un’altra protesta è in programma sabato mattina a Belluno: gli attivisti di Acqua Bene Comune hanno messo nel mirino il progetto della centralina bellunese.
“Si stanno mobilitando poliziotti da altre province e i carabinieri del battaglione Mestre per arginare le proteste degli ambientalisti contro le centraline, previste per giovedì.

Ci sembra chiaro che la tensione sia già oltre il limite. Confidiamo nel buon senso delle autorità affinché la manifestazione si svolga pienamente e liberamente – dicono i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle Manuel Brusco e Simone Scarabel, e il consigliere comunale di Belluno Sergio Marchese – questo ci sembra un messaggio forte e chiaro dal territorio che dice “no alla nuova centralina sul Piave!”.
“Non vogliamo un’altra Tav: una costruzione fatta senza ascoltare il territorio, cosa che ha portato solo ad incidenti e a spreco di denaro – dicono gli esponenti del Movimento – il territorio va ascoltato e rispettato, si devono fermare le nuove concessioni per le centraline. Se proprio non si vuole rispettare la cittadinanza, si rispettino almeno le normative esistenti”.
Sulla partecipazione al sopralluogo il consigliere M5S di Belluno Sergio Marchese spiega: “Il ruolo della politica, quando si viene eletti, è quello di stare non solo in piazza – come facciamo -, ma anche nelle istituzioni: se un sopralluogo ci sarà, noi vi parteciperemo, proprio per raccogliere o confermare tutti quegli elementi che ci consentiranno di chiedere, dati alla mano, di fermare questa centralina.
Abbiamo già preparato in Consiglio a Belluno delle osservazioni tecniche così come avvenuto per la centralina sull’Adige, che è stata bloccata grazie a questo strumento”.
Brusco e Scarabel concludono: “Ci faremo carico di assicurare che in Regione l’iter di queste osservazioni tecniche proceda senza intoppo, affinché vengano considerate e non ignorate come è successo in alcuni casi in passato. Stiamo aspettando di discutere in consiglio la mozione per impegnare la giunta a sospendere tutte le concessioni degli impianti sotto al megawatt allo scopo dichiarato di riverificarne la compatibilità con le più recenti normative e indicazioni sia regionali che europee valutando anche gli impatti cumulativi dei progetti, come previsto dalle direttive europee ”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Sessantaseienne dell’Alpago scivola in un dirupo durante una passeggiata

Vittorio Veneto (TV), 06 - 03 - 21 - Alle 10.20 circa il Soccorso alpino delle Prealpi Trevigiane è stato allertato dalla Centrale del...

Treno delle Dolomiti. Scopel: «Attendiamo gli elaborati dalla Regione Veneto»

«Prendiamo atto della scelta del tracciato del Treno delle Dolomiti operata dalla Regione Veneto. Se è vero, come leggiamo dalla stampa, che gli studi...

Il sole illumina la prima tappa della WinteRace 2021

Cortina d’Ampezzo, 5 marzo 2021 - Al via questa mattina alle ore 9.00 da Corso Italia l’ottava edizione della WinteRace. Sotto un cielo terso, le...

Da lunedì il Veneto torna arancione. Ecco le regole

"Il Veneto in zona arancione da lunedì 8 marzo. Ma le scuole non chiuderanno". Lo ha anticipato nella conferenza stampa in diretta su Facebook...
Share