13.9 C
Belluno
venerdì, Ottobre 23, 2020
Home Cronaca/Politica “Dietrofront” di Zaia su delibera n.79 dei centri commerciali. Lista Tosi:  ma...

“Dietrofront” di Zaia su delibera n.79 dei centri commerciali. Lista Tosi:  ma intende presentare la stessa manovra in un progetto di Legge firmando la morte dei negozi di vicinato

Maurizio Conte
Maurizio Conte

“Dietrofront” di Zaia su delibera n.79 dei centri commerciali. Lista Tosi:  ma intende presentare la stessa manovra in un progetto di Legge firmando la morte dei negozi di vicinato

Lo dichiarano in una nota i consiglieri regionali della Lista Tosi Stefano Casali, Maurizio Conte e Giovanna Negro commentando la Delibera di Giunta n.79 del 28 settembre scorso “Indirizzi per lo sviluppo del sistema commerciale”, con la quale si volevano introdurre modifiche al regolamento attuativo della Legge regionale n.50/2012. La delibera prevedeva l’inserimento all’articolo 2 di un comma aggiuntivo, il 7bis, che “in deroga a quanto previsto al comma 7, la riqualificazione delle aree o strutture dismesse e degradate si applica anche alle aree agricole adiacenti al centro urbano purché dette aree siano già servite da adeguiate opere di urbanizzazione e infrastrutture viabilistiche e presentino evidenti elementi di degrado legato all’abbandono e alla presenza di strutture agricolo-produttive non collegate con nesso funzionale ad un’azienda agricola…” Ma poco fa – scrivono – Zaia ha dichiarato di voler ritirare la delibera per presentare la manovra all’interno del progetto di legge sul consumo di suolo.

“Zaia2 ha capito di aver fatto uno scivolone ed è corso ai ripari – proseguono i tre consiglieri – anche perché ha sbagliato i tempi: gli manca ancora la “questione di fiducia” per mettere il bavaglio a tutti i consiglieri e far passare in Consiglio quello che vuole. Fatto sta che con una delibera voleva cancellare la potestà urbanistica fin qui di esclusiva competenza dei Comuni. La proposta arrivata in Commissione Agricoltura – spiegano i tosiani – è quella di fare centri commerciali in tutte le aree agricole del Veneto. Non contento di tale scempio, che porterà alla morte dei negozi locali che già faticano a restare aperti, Zaia pretende che gli oneri per la realizzazione di tali strutture vengano versati direttamente alla Regione senza più l’intermediazione dei Comuni, come avviene ora”.

“In tutto questo – aggiungono i tosiani – i Comuni continuano a far da bancomat alla Regione: il segretario regionale al Bilancio, la settimana scorsa, ha candidamente ammesso che i Comuni e gli enti locali avanzano 2,6 miliardi di euro!”

“Ci dica il governatore – concludono Casali, Conte e Negro – perché se per i Comuni vale la regola “paga e tasi”, la Regione invece pretende di avere “presto e subito” i soldi derivanti dai centri commerciali, e, di delibera o progetto di Legge si tratti, questa nuova normativa sulle costruzioni nelle zone agricole come si sposa con la filiera del cibo a chilometri 0”?

Share
- Advertisment -


Popolari

Un nuovo progetto per la segnalazione degli ostacoli al volo

La Provincia di Belluno coordinerà un nuovo progetto di mappatura e la segnalazione degli ostacoli al volo. Con un sistema innovativo di palette catarifrangenti...

Covid. Bond (FI): «Il governo distrugge economia e Natale in un colpo solo»

«Mercati settimanali sì, casette di Natale no. Il governo deve spiegarci perché questa differenza». È quanto afferma il deputato di Forza Italia, Dario Bond, sullo...

Comuni ricicloni, Ponte nelle Alpi primeggia: Dal Borgo: “Questo riconoscimento conferma il consolidarsi del progetto di raccolta differenziata” 

Il Comune di Ponte nelle Alpi è il più riciclone della provincia di Belluno. L'ufficialità arriva dal dossier di Legambiente.  In base alla produzione...

La sanità è preparata alla nuova ondata di contagi? * di Mauro De Carli

La domanda è sulla bocca di tanti, forse non si ha il coraggio di farla per la paura dell’incertezza di questo momento: “la Sanità...
Share