13.9 C
Belluno
martedì, Ottobre 27, 2020
Home Cronaca/Politica Consiglio regionale. Illustrato in Commissione il riordino delle funzioni provinciali

Consiglio regionale. Illustrato in Commissione il riordino delle funzioni provinciali

regione venetoCon l’illustrazione in Commissione Politiche Istituzionali, presieduta da Marino Finozzi, ha preso avvio l’iter d’esame del Progetto di Legge n.67 predisposto dalla Giunta per il riordino delle funzioni amministrative provinciali. Si tratta del provvedimento che attua quanto prevede la Legge statale n.56/2014 “Disposizioni sulle citta metropolitane, sulle province, sulle unione e fusione di comuni”.

Il progetto di legge della Giunta prevede che le Province, quali enti di area vasta, continuino ad esercitare le funzioni già conferite dalla Regione, oltre a quelle fondamentali assegnate con la Legge 56. Con accordi tra la Regione e le singole province e la Città Metropolitana di Venezia potranno essere definiti gli standard dei servizi, le risorse umane e la dotazione dei beni strumentali necessari, per la gestione dei quali la Regione ha assicurato per l’anno 2015 un finanziamento di € 28.256.000 e per il biennio 2016/2017 un finanziamento di € 40.000.000 annui.

E’ un disegno di legge – ha detto l’assessore agli Enti Locali, Gianluca Forcolin – già approvato dalla Giunta dopo averlo condiviso con le associazioni di categoria, i Sindacati, l’Anci e L’Upi. In sostanza si mantengono in capo alle Province tutte le funzioni non fondamentali, compresa la Polizia provinciale, lasciando quindi quella giusta autonomia provinciale e pagandone il relativo conto economico e finanziario. Si tratta – ha sottolineato Forcolin – di un segnale importante da un punto di vista politico, perché sul piano occupazionale vengono garantiti tutti gli stipendi del personale, messi in discussione dalla legge di stabilità 2015 e dal decreto Legge Amadia dell’agosto scorso, che aveva messo in seria difficoltà l’impianto stesso delle province”.

“Con questo piano occupazionale garantito, dal primo novembre, dopo l’approvazione in Consiglio di questo Progetto di Legge, – ha concluso Forcolin – cominceremo a discutere su tutta la razionalizzazione dell’organizzazione e della gestione di queste funzioni, coinvolgendo i sindaci, le province e la città metropolitana”.

Share
- Advertisment -


Popolari

Nessuna violazione al codice deontologico. Archiviata l’accusa di Gidoni al direttore di Bellunopress

Il Consiglio di Disciplina Territoriale dell'Ordine dei Giornalisti del Veneto, nella riunione del 16 luglio 2020, delibera "il non doversi procedere per il presente...

Non c’è stato alcun mobbing. La Corte d’Appello rovescia la sentenza del giudice del lavoro e accoglie il ricorso del Comune di Belluno

La Sezione Lavoro della Corte d'Appello di Venezia ha accolto il ricorso del Comune di Belluno contro la sentenza non definitiva del Tribunale di...

Il supermercato A&O del centro città riapre. La proprietà Cestaro/Unicomm conferma la decisione al consigliere Addamiano

Belluno, 27 ottobre 2020  -  C'è una buona notizia per i residenti del centro città, il supermercato A&O di Belluno, quello vicino al Teatro...

Scuole superiori, didattica digitale per il 75% degli studenti. Ordinanza regionale in vigore dal 28 ottobre

Il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia ha firmato la seguente ordinanza in ossequio al Dpcm del 25 ottobre che non lascia margini...
Share