13.9 C
Belluno
domenica, Ottobre 25, 2020
Home Prima Pagina Emergenza frane, vertice in Prefettura. Prolungata al 31 ottobre la procedura d'emergenza...

Emergenza frane, vertice in Prefettura. Prolungata al 31 ottobre la procedura d’emergenza e monitoraggio fino al 30 novembre

frana cadore 04 08 2015Questa mattina, martedì 6 ottobre, si è tenuto in Prefettura, un incontro per fare il punto della situazione sulle procedure di emergenza di protezione civile che sono state elaborate per far fronte alle colate detritiche. In particolare quelle che, nel corso della stagione estiva appena trascorsa, hanno interessato il Comune di San Vito di Cadore, con la perdita di tre vite umane, nonché la S.S. 51 Alemagna in località Acquabona, nel Comune di Cortina d’Ampezzo, determinando la chiusura al traffico dell’importante arteria stradale.

Alla riunione, coordinata dal viceprefetto vicario, hanno preso parte rappresentanti delle Forze dell’ordine, dei Vigili del fuoco, della Provincia di Belluno, della Regione del Veneto, del Comune di Cortina d’Ampezzo, il sindaco di San Vito di Cadore, i rappresentanti di Anas, di Arpav (Dipartimento regionale per la sicurezza del territorio) e il presidente delle Regole d’Ampezzo.

In considerazione delle condizioni meteorologiche che hanno caratterizzato l’ennesimo evento franoso verificatosi di recente nella località di Acquabona, si è convenuto sulla necessità di mantenere valida l’attuale procedura di emergenza fino al prossimo 31 ottobre. Per il periodo successivo, fino al 30 novembre, è stata concordata la prosecuzione del monitoraggio in loco sulla base dei bollettini di criticità idrogeologica emessi dal Centro Funzionale Decentrato della Regione del Veneto.
Il Comune di Cortina d’Ampezzo provvederà al recepimento della procedura d’emergenza, opportunamente aggiornata, nel proprio Piano Comunale di Protezione Civile.

Nel corso dell’incontro è stata altresì esaminata una prima bozza di procedura d’emergenza per le colate rapide del Ru Secco e Chiapuzza nel Comune di San Vito di Cadore. Al riguardo, dopo un’ampia disamina delle modifiche che si è ritenuto opportuno introdurre, al fine di una migliore definizione dei compiti dei vari attori istituzionalmente coinvolti, si è convenuto di aggiornare i lavori, in vista dell’approvazione della versione definitiva della procedura in questione, a martedì 27 ottobre 2015, presso la Prefettura.

Share
- Advertisment -


Popolari

Dpcm del 25 ottobre 2020, ecco le nuove restrizioni in vigore da lunedì 26 ottobre al 24 novembre

E' stato diffuso il testo definitivo del nuovo Decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 25 ottobre 2020 che sarà in vigore dal...

Nasce a Ponte nelle Alpi il nuovo ambulatorio di Medicina generale che riunirà 5 medici

Un'unica sede per riunire tutti i medici di Ponte nelle Alpi: sta per nascere il nuovo ambulatorio di Medicina generale, finalizzato a offrire alla...

Rispettiamo le regole. L’appello del presidente della Provincia Roberto Padrin

In questo momento dobbiamo essere tutti responsabili. I numeri dei contagi e l'aumento dei ricoveri ospedalieri ci obbligano a comportamenti rispettosi delle regole. Dobbiamo...

Findomestic addebita a un omonimo la rata del finanziamento. Brumurelli (Associazione Io mi tutelo): “In 15 giorni abbiamo chiarito il caso con la banca...

Vedersi addebitare ogni mese delle rate di una cinquantina di euro senza sapere il perché non dev’essere piacevole. E’ successo in un Comune della Valbelluna...
Share