13.9 C
Belluno
venerdì, Ottobre 23, 2020
Home Prima Pagina Prosegue il progetto di scambio europeo Erasmus+ Sharing Common Values per 50...

Prosegue il progetto di scambio europeo Erasmus+ Sharing Common Values per 50 giovani a Belluno. In preparazione il video e lo spettacolo teatrale

erasmus sharing-common-values2Belluno, 5 ottobre. Sono arrivati da 10 nazioni europee in questi giorni a Belluno per riflettere sul volontariato L’iniziativa è stata promossa e organizzata dal Comitato di Intesa con un progetto Erasmus+ dal titolo “Sharing Common Values” e durerà fino al 9 ottobre. I giovani partecipanti sono ospitati presso la Casa per ferie del Centro Giovanni XXIII a Belluno e provengono da Italia, Belgio, Grecia, Lettonia, Lituania, Macedonia, Polonia, Portogallo, Romania e Spagna.
Dopo una visita guidata a Feltre, in questi giorni i ragazzi stanno riflettendo sui valori comuni del volontariato con discussioni, dibattiti e attività creative nella sede del Comitato di Intesa. Non è mancato uno scambio di prodotti e bevande tipiche in cui ogni nazione ha portato le sue specialità: per l’Italia c’era anche il formaggio fornito da Lattebusche. I ragazzi, tutti di età compresa tra i 20 e 26 anni, sono stati poi suddivisi in due gruppi in base alle loro competenze. Alcuni di loro, attori e danzatori, stanno preparando un flash mob e uno spettacolo teatrale che integri diverse culture, con il supporto dell’associazione bellunese di balli africani “La musica non ha confini” coordinato da Moustapha Fall. Altri invece si stanno adoperando per la parte video con montaggio e riprese effettuate in collaborazione con il regista Roberto Bristot e il Laboratorio Inquadrati del Csv Belluno. Tutti i risultati saranno presentati al pubblico nell’evento finale previsto alle 10 di venerdì 9 ottobre al teatro del Centro Giovanni XXIII a Belluno.
«Siamo soddisfatti di come sta procedendo lo scambio», spiegano gli organizzatori del Centro Studi ricerca e progettazione del Csv Belluno Laura De Riz, Enrico De Col, Anita Tisat e Sabrina Campigotto, «abbiamo notato che, nonostante le diverse provenienze, ci sono tanti punti comuni nel volontariato continentale, con valori che sono assolutamente condivisi. I giovani stanno apprezzando la città di Belluno e le Dolomiti e si stanno arricchendo con importanti esperienze e conoscenze».
Attiva anche una pagina Facebook dal titolo “Sharing Common Values Belluno Italy” dove saranno progressivamente inserite tutte le foto e le informazioni del progetto.

Share
- Advertisment -


Popolari

Aperto alla Fiera di Padova il Salone auto e moto d’epoca. Inaugurazione ufficiale venerdì mattina alle 11

Oggi è il giorno di Auto e Moto d’Epoca a Padova. Uno dei più importanti appuntamenti internazionali dedicati ai veicoli storici apre i...

Ordinanza sugli orari di sale slot. Il Tar dà ragione al Comune di Belluno e respinge la richiesta di sospensiva

Nuova vittoria del Comune di Belluno al tribunale amministrativo in materia di gioco d'azzardo: la Terza Sezione del TAR Veneto ha infatti respinto la...

Stefano Bellotto è il nuovo presidente di Adiconsum

Stefano Bellotto è il nuovo presidente di Adiconsum Belluno Treviso, l'Associazione dei consumatori promossa dalla Cisl. 50 anni, trevigiano, residente ad Auronzo di Cadore,...

A Cancia è arrivata la briglia “Sabo dam”. Bortoluzzi: «Entro fine anno l’installazione»

Lavori in dirittura d'arrivo a Borca di Cadore. Nei giorni scorsi è arrivata la struttura componibile della briglia "Sabo dam", l'opera principale dell'imponente lavoro...
Share