13.9 C
Belluno
sabato, Febbraio 27, 2021
Home Cronaca/Politica Calalzo, futura stazione bike fiendly, lasciata senza i treni per il trasporto...

Calalzo, futura stazione bike fiendly, lasciata senza i treni per il trasporto bici. D’Incà: “Un servizio insufficiente considerando inoltre che non ci sono più treni diretti da Padova e Venezia a Calalzo”

Federico D'Incà, deputato Movimento 5 Stelle
Federico D’Incà, deputato Movimento 5 Stelle

“Stazioni più accessibili per la bici” è questo il protocollo d’intesa stipulato tra FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) e RFI (Rete Ferroviaria Italiana) per rendere più accessibili le stazioni ai viaggiatori con bici al seguito. Gli interventi previsti in circa 180 hub in varie regioni italiane mettono in cantiere interventi volti alla creazione di stalli pavimentati e coperti, scivoli per accedere ai binari, aree bike sharing, locali per noleggio e manutenzione, segnaletica dedicata ed anche un decalogo di buoni comportamenti in ambiente ferroviario per viaggiare con la bicicletta al seguito

“Un’ottima iniziativa che però va a scontrarsi con delle allarmanti contraddizioni proprio nella Provincia di Belluno dove, tra le stazioni del Veneto prescelte per questo intervento, c’è anche quella di Calalzo” spiega Federico D’Incà del MoVimento 5 Stelle. La stazione di Calalzo è il punto di partenza della ciclabile ex-Ferrovia Dolomiti che porta a Cortina e Dobbiaco e punto di arrivo dell’itinerario cicloturistico che sale da Belluno, lungo il quale lo scorso maggio sono state inaugurate due ciclabili grazie alle quali tutto il tragitto da Dobbiaco a Belluno e lago di S. Croce ora si può fare in sicurezza.

“Ma è qui che la buona notizia si scontra con l’incoerenza, come denuncia anche la Fiab Belluno Amici della Bicicletta” sottolinea D’Incà. Dall’estate 2014 Trenitalia Veneto ha abolito il servizio di trasporto bici tra Belluno e Calalzo ed in compenso è stato attivato un treno speciale porta bici tra Venezia e Calalzo “ma solo per alcune giornate festive da fine luglio ai primi di settembre – spiega il deputato bellunese. Un servizio insufficiente considerando inoltre che non ci sono più treni diretti da Padova e Venezia a Calalzo e quindi il cicloturista si trova a cambiare diversi mezzi. Da Belluno a Conegliano poi i posti bici sono solo due mentre numero più consistente di bici è possibile caricare solo sulla linea Padova-Belluno”.

Se per la realizzazione di piste ciclabili si spendono milioni di euro, decisioni come questa di Trenitalia Veneto boicottano e danneggiano pesantemente questo sforzo, anche finanziario, per lo sviluppo del cicloturismo nel nostro territorio, e anzi ne costituiscono una pubblicità negativa!
Di pochi giorni fa, il 18 settembre 2015, un’emblematica situazione riportata da Fiab dove, nella Stazione di Ponte nelle Alpi due cicloturisti provano a caricare le biciclette sul treno in partenza per Calalzo ma vengono lasciati a piedi.

Share
- Advertisment -

Popolari

Contrattazione sociale in provincia di Belluno: le Linee Guida per il 2021 di Cgil-Cisl-Uil

Lotta alla povertà e alla disuguaglianza sociale, politiche concrete in favore di anziani e giovani, nuove infrastrutture sanitarie per combattere la diffusione del Covid-19....

Nominati da Zaia i nuovi direttori generali della sanità veneta

Venezia, 26 febbraio 2021 - Il presidente della Regione, Luca Zaia, ha nominato oggi i nuovi direttori generali delle nove Ullss, delle due Aziende ospedaliere...

Lupo avvistato nella zona dell’Oltrerai di Ponte nelle Alpi. De Bon: «Nessun rischio per l’uomo. Ma gli animali domestici vanno custoditi adeguatamente»

I tecnici della Provincia e il consigliere delegato Franco De Bon hanno incontrato questa mattina il sindaco di Ponte nelle Alpi, per analizzare la...

Maria Grazia Carraro è il nuovo direttore generale della Ulss 1 Dolomiti

Maria Grazia Carraro, laureata in Medicina e Chirurgia all'Università di Padova, con Specializzazione in Igiene e medicina preventiva, è il nuovo direttore generale della...
Share