13.9 C
Belluno
lunedì, Marzo 1, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Innovazione. Carlo Bagnoli: "A Belluno un contesto favorevole"

Innovazione. Carlo Bagnoli: “A Belluno un contesto favorevole”

prof carlo bagnoli«I contesti ambientali più difficili sono anche i più favorevoli all’innovazione. Ciò vale anche per un territorio montano come Belluno, diverso e sicuramente più complesso rispetto ad altre realtà venete, ma proprio per questo più adatto a sviluppare soluzioni innovative».

E’ quanto afferma Carlo Bagnoli, docente di innovazione strategica all’Università Ca’ Foscari di Venezia e responsabile scientifico del progetto Innovarea, nel corso dell’incontro promosso da Confindustria Belluno Dolomiti e svoltosi questo pomeriggio a Palazzo Doglioni Dalmas.

«Non è un caso – spiega Bagnoli – se un’azienda come Nokia è nata in Svezia, vale a dire in un paese con condizioni ambientali più difficili rispetto ad altri. Ciò conferma che è in questi contesti che le persone e le aziende sono più propense a sviluppare soluzioni innovative, che servono essenzialmente a risolvere problemi». «Innovare – prosegue il docente di Ca’ Foscari – è ormai fondamentale per le imprese. Non c’è alternativa. In tal senso, il primo passo da compiere è iniettare questa cultura nelle aziende e tra gli imprenditori».

«E’ per questa ragione – concorda Jury De Col, delegato all’Innovazione di Confindustria Belluno Dolomiti – che la nostra associazione intende promuovere una serie di incontri mirati su questo tema. Vogliamo essere da stimolo e di supporto alle nostre aziende, in un percorso obbligato qual è quello dell’innovazione di prodotto, di processo e anche nel modello di business».

Share
- Advertisment -

Popolari

Conclusa l’Italia Polo Challenge Cortina 2021

Cortina d'Ampezzo, 28 febbraio 2021  -  Giocatori e cavalli protagonisti di Italia Polo Challenge Cortina 2021 lasciano la vallata ampezzana con la soddisfazione di aver...

Due interventi del Soccorso alpino

Belluno, 28 - 02 - 21   Attorno alle 12.40 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è intervenuto nel comune di Tambre, per uno...

Grubissa (Federfarma) chiede un confronto al nuovo direttore generale della Ulss Dolomiti Maria Grazia Carraro

La distribuzione dei farmaci sul territorio, la collaborazione in occasione di campagne di prevenzione, le difficoltà di gestione della ricetta dematerializzata e l'erogazione dei...

L’assessore Lanzarin risponde sui 52 milioni destinati alle Ulss venete, esclusa Belluno

Dopo le varie proteste per i mancati stanziamenti della Regione Veneto all'Ulss 1 Dolomiti (nulla dei 52 milioni), nell'ordine, quella del sindaco di Belluno...
Share