13.9 C
Belluno
sabato, Marzo 6, 2021
Home Cronaca/Politica Situazione debitoria della Regione. Negro e Casali: "Troppi enti territoriali sono creditori...

Situazione debitoria della Regione. Negro e Casali: “Troppi enti territoriali sono creditori e attendono contributi legittimi. Aprire subito un’inchiesta”

regione venetoNon si arrendono i consiglieri tosiani Giovanna Negro e Stefano Casali che – dopo l’infruttuosa seduta straordinaria del Consiglio regionale del Veneto tenuta ieri mattina a Palazzo Ferro Fini- vogliono vederci chiaro sui debiti della Regione: con questo obiettivo Giovanna Negro ha chiesto la convocazione d’urgenza di una seduta della IV Commissione consiliare, cioè quella a cui compete la valutazione delle politiche pubbliche e degli effetti della legislazione regionale.

“Devono darci delle risposte – affermano Casali e Negro – non si possono nascondere i problemi sotto un tappeto di indifferenza: troppi enti territoriali sono creditori e attendono contributi legittimi dalla Regione senza tempi certi né garanzie, questo non è più accettabile”.

“Vogliamo capire quale sia la cifra esatta del debito – aggiungono i due consiglieri tosiani – che a detta dell’assessore al Bilancio Gianluca Forcolin varia da 1,5 a 3,5 miliardi di euro. Porteremo il caso all’attenzione della Quarta Commissione e non ci fermeremo finché non avremo delle risposte: l’atteggiamento dimostrato in seduta di Consiglio ieri dalla maggioranza non rispetta i principi di trasparenza e responsabilità”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Treno delle Dolomiti. Scopel: «Attendiamo gli elaborati dalla Regione Veneto»

«Prendiamo atto della scelta del tracciato del Treno delle Dolomiti operata dalla Regione Veneto. Se è vero, come leggiamo dalla stampa, che gli studi...

Il sole illumina la prima tappa della WinteRace 2021

Cortina d’Ampezzo, 5 marzo 2021 - Al via questa mattina alle ore 9.00 da Corso Italia l’ottava edizione della WinteRace. Sotto un cielo terso, le...

Da lunedì il Veneto torna arancione. Ecco le regole

"Il Veneto in zona arancione da lunedì 8 marzo. Ma le scuole non chiuderanno". Lo ha anticipato nella conferenza stampa in diretta su Facebook...

Acc, Ex-Embraco. Nobis (Fim-Cisl): concretizzare subito progetto Italcomp, a rischio 750 famiglie

Questa mattina i lavoratori della ACC di Mel (Belluno) sono in presidio davanti ai cancelli dell'azienda, una prima azione di mobilitazione – dice il segretario...
Share