13.9 C
Belluno
venerdì, Ottobre 30, 2020
Home Cronaca/Politica Via anche la Prefettura? Bard: "Riprendiamoci Palazzo dei Rettori, sede della...

Via anche la Prefettura? Bard: “Riprendiamoci Palazzo dei Rettori, sede della Comunità Autonoma di Belluno Dolomiti”

Movimento Belluno autonoma Regione Dolomiti
Movimento Belluno autonoma Regione Dolomiti

“Anche la Prefettura di Belluno sarà accorpata a Treviso. Lo Stato vuole abbandonare la montagna e il suo governo? Bene, allora lasci che a gestirli sia chi lì ci vive e vuole continuare a farlo”.
Il movimento Belluno Autonoma Regione Dolomiti lancia la sua proposta, dopo l’annunciato accorpamento dell’ente di governo bellunese con quello trevigiano: “Perchè far scivolare ancora le decisioni a valle? I poteri dei prefetti di montagna vengano dati alla Provincia. Non chiediamo nulla di nuovo: anche a Aosta non esiste la Prefettura, e i suoi compiti sono stati attribuiti al Presidente della Regione (il cui territorio coincide con quello della Provincia di Aosta, soppressa nel 1945 e trasformata in regione autonoma). Belluno, Sondrio, Verbania hanno una specificità riconosciuta come aree interamente montane: si deleghi ai Presidenti di provincia queste funzioni”.
“Questo è il segnale di un centralismo imperante, da Roma a Venezia, l’ennesimo sintomo che la montagna è vista come una periferia da abbandonare. – denunciano dal Bard – O davvero c’è chi pensa di far gestire le emergenze come alluvioni, frane, nevicate a distanza di centinaia di chilometri? Vogliamo davvero che per i disastri idrogeologici il coordinamento sia in pianura mentre i nostri paesi sono in ginocchio? Non serve tanta fantasia: le frane di Acquabona, il disastro di San Vito, gli smottamenti sulla statale per il Comelico, la nevicata del Natale 2013 sono tutte immagini che abbiamo nella memoria”.

“Tocca a chi regge il territorio coordinare l’emergenza, – concludono dal Bard – ma attenzione: la provincia con questi poteri non è quella attuale, dei sindaci, senza risorse né competenze, un tentativo mal riuscito di cancellare l’ente per auto-estinzione. Noi vogliamo una provincia elettiva, fortemente autonoma, dotata di rappresentatività e risorse: un ente di vera rappresentanza del territorio, che deve quindi tornare anche nella sede appropriata. Perchè vendere Palazzo dei Rettori, una volta partita la Prefettura? Quello è il simbolo del potere di Venezia e Roma, che nei secoli scorsi hanno occupato la sede dei rappresentanti della comunità, costringendoli a trovare un’altra sistemazione. Riprendiamocelo: quel palazzo deve diventare la sede della “nuova” Provincia – anzi, della Comunità Autonoma di Belluno Dolomiti -, l’emblema del nuovo corso del Bellunese, un simbolo per questa terra di liberazione e di rivincita”.

Share
- Advertisment -


Popolari

Denunciati dalla polizia 5 italiani per truffa. Bottino da 5.790 euro

L’altro ieri la Squadra Mobile di Belluno ha denunciato all’Autorità Giudiziaria 5 persone per truffa in concorso. Si tratta di soggetti italiani residenti parte...

Furto in un deposito di Ponte nelle Alpi. Rubate sigarette per 80mila euro

Ponte nelle Alpi, 30 ottobre 2020 - Ammonta a 80mila euro il valore degli scatoloni di sigarette di varie marche rubati ieri sera nel...

Inaugurato oggi l’Eurobrico a Ponte nelle Alpi

Duemilacinquecento metri quadrati, dall'utensileria all'edilizia, passando per idraulica e arredo giardino, mobili e accessori legati alla sfera dell'auto, casalinghi e arredo casa, fino all'abbigliamento...

L’Alto Adige si adegua. Sabato scatta il coprifuoco anche per loro

Chi aveva programmato la cena sabato sera dai vicini in Alto Adige, dovrà rinviare. Il governatore Kompatscher ha stabilito che dal 31 ottobre anche...
Share