13.9 C
Belluno
giovedì, Maggio 13, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Sbocco a Nord. Barbini (Confindustria): "Opera strategica per lo sviluppo del territorio"

Sbocco a Nord. Barbini (Confindustria): “Opera strategica per lo sviluppo del territorio”

Luca Barbini
Luca Barbini

«Lo sbocco a nord è un obiettivo strategico per la competitività economica del territorio bellunese. Confindustria Belluno Dolomiti è perciò da sempre favorevole a quest’opera e, negli anni, si è attivata per individuare soluzioni realizzabili, nonostante le evidenti difficoltà economiche e politiche». E’ quanto afferma il presidente dell’associazione industriali, Luca Barbini, alla luce delle recenti dichiarazioni sul tema e del dibattito sulle priorità infrastrutturali per la provincia. «Dopo quanto successo nelle scorse settimane – precisa Luca Barbini – è evidente che la manutenzione idrogeologica del territorio è una questione che va affrontata subito, stabilendo un piano di interventi e individuando le risorse economiche per realizzarli. Detto ciò, non possiamo limitarci a risolvere le emergenze, ma dobbiamo anche pensare a quelle opere strategiche che aumenterebbero la competitività e l’attrattività del nostro territorio. Tra queste c’è sicuramente il collegamento con il nord Europa».

«Ricordo – spiega ancora presidente di Confindustria Belluno Dolomiti – che l’idea iniziale di quest’opera fu sviluppata da Eugenio Miozzi, l’ingegnere e dirigente pubblico che progettò il Ponte della Libertà a Venezia e il Ponte della Vittoria a Belluno e che, nei primi anni Cinquanta del secolo scorso, lanciò l’idea dell’autostrada Venezia – Monaco. Un’infrastruttura innovativa nell’attraversamento montano, con due carreggiate sovrapposte, che prevedeva anche la realizzazione parallela di un oleodotto ed era vista come opera di rilancio della portualità di Venezia e dell’economia industriale Veneta. L’idea fu di seguito perseguita da una società tedesca, la Batia di Monaco, ma è stata poi abbandonata». «Più recentemente – prosegue Luca Barbini – si è pensato di collegare la provincia agli assi verso nord già esistenti: il Brennero e Tarvisio. Nel 1989 lo studio “Zollet Ingegneria” ha proposto uno studio di fattibilità del Traforo del Cavallino, che prevedeva la creazione di una società italo-austriaca per la realizzazione dell’opera. Quello stesso tunnel è stato poi al centro di un’altra idea fortemente sostenuta, nei primi anni Duemila, dalla nostra associazione e dall’allora assessore regionale Floriano Pra: la Belluno-Lienz. Purtroppo, le verifiche dirette e ufficiali hanno fatto emergere l’ostilità politica alla realizzazione di quest’opera, in particolare da parte del sindaco di Lienz e di altri amministratori locali vicini a Luis Durnwalder. E’ per questo che si sono valutate soluzioni alternative, come il collegamento tra la A27 e la A23, via Pieve di Cadore, Carnia e Tolmezzo, condiviso dalle Regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia nel protocollo di Gorizia e quindi inserito nell’elenco delle opere strategiche del Nordest».

«A questo punto – conclude Luca Barbini – si tratta di riconsiderare i vecchi progetti alla luce delle mutate condizioni economiche e politiche, al fine di individuare una soluzione che non solo ottenga il consenso delle comunità locali e degli amministratori pubblici, ma che abbia anche concrete prospettive di essere finanziata. Per Confindustria Belluno Dolomiti questa resta, a distanza di tanti anni, un’opera strategica».

Share
- Advertisment -

Popolari

Belluno. Mappa delle asfaltature dal 19 maggio al 30 luglio

Per consentire i lavori di fresatura e asfaltatura per il ripristino del manto stradale in alcune vie, nel periodo dal 19 maggio al 30...

104mo Giro d’Italia. Il 19 maggio la diretta della presentazione della tappa dolomitica del 24 maggio

Il 19 maggio alle ore 11 avrà luogo nella Sala Consiliare del Comune di Cortina, in Corso Italia n. 33 la presentazione della tappa...

Divide et impera. Terna ci riprova trattando separatamente con i singoli Comuni

Terna pare aver fatto sua la strategia di Giulio Cesare, "Divide et impera" e riprende la trattativa separata con i singoli Comuni. Alcuni dei...

Sfregiati gli affreschi del rustico di Villa Patt a Sedico. Cibien: “Sporgeremo denuncia”

Brutta sorpresa per i tecnici della Provincia di Belluno. Nei giorni scorsi un sopralluogo a Villa Patt (a Sedico) ha fatto scoprire una serie...
Share