13.9 C
Belluno
venerdì, Giugno 21, 2024
HomeCronaca/PoliticaA Domegge si chiedono precisazioni sulla centrale a biomasse ma si ricevono...

A Domegge si chiedono precisazioni sulla centrale a biomasse ma si ricevono intimidazioni: Il sindaco Fedon presenta un esposto contro il consigliere Marengon

5-stelle-beppe-grilloHa dell’incredibile la risposta del sindaco di Domegge di Cadore Lino Paolo Fedon alle domande del consigliere comunale dell’opposizione Adriano Marengon (Movimento 5 Stelle).

Il consigliere pentastellato, ancora 40 giorni fa, aveva presentato un’interrogazione consiliare sulla costruzione della centrale a biomasse in paese, ponendo una lunga serie di considerazioni e richieste di chiarimenti sul progetto. Fra queste, per esempio, si chiedeva il luogo di provenienza del cippato da bruciare e le modalità di gestione dell’impianto, perché è noto che sostituire impianti a gasolio con biomasse è molto vantaggioso ma è altrettanto risaputo che se non viene fatto in maniera corretta diviene svantaggioso.
Non avendo ottenuto risposte in merito, il gruppo consiliare ha intrapreso iniziative di sensibilizzazione e di informazione alla cittadinanza, attraverso la pubblicazione di articoli sulla stampa locale e la distribuzione di volantini informativi.
Ebbene, la risposta del sindaco a quel punto non si è fatta attendere: ha presentato un esposto in Procura contro Marengon per procurato allarme!

Il consigliere comunale ha dovuto, di conseguenza, deporre le proprie osservazioni ai carabinieri dove è stato convocato.
«Tutto ciò ha dell’inverosimile e lascia l’amaro in bocca» ha commentato Adriano Marengon. «Mi chiedo come sia possibile che un amministratore pubblico usi la giustizia come atto intimidatorio nei confronti di un componente della minoranza, nonché cittadino di Domegge, anziché rispondere puntualmente a domande legittime per le quali, ad oggi, non abbiamo ancora avuto riscontro. Sono indignato e desidero esprimere tutto il mio disappunto per questo modo di fare, dove moralità ed etica sembrano essersi persi nei meandri di questo paese chiamato Italia».

- Advertisment -

Popolari