13.9 C
Belluno
lunedì, Giugno 24, 2024
HomeLettere OpinioniJacopo Massaro ancora a Bolzano, a colloquio con il sindaco Spagnolli, il...

Jacopo Massaro ancora a Bolzano, a colloquio con il sindaco Spagnolli, il direttore generale del comune e il Rettore della libera Università di Bolzano

Massaro SpagnolliSeconda giornata di incontri istituzionali a Bolzano per il sindaco di Belluno Jacopo Massaro, che ha incontrato Luigi Spagnolli sindaco di Bolzano. Durante l’incontro sono stati affrontati numerosi argomenti di attualità, dalla specificità della montagna bellunese, alle possibilità di collaborazione tra i due comuni. Massaro e Spagnolli si sono concentrati in particolare sulle possibilità di collaborazione per l’accesso ai fondi europei, riscontrando la convergenza di interessi tra i due comuni.

Massaro ha poi incontrato il direttore generale del Comune di Bolzano, Helmuth Moroder, con il quale sono state approfondite alcune tematiche relative alla partecipazione dei comuni di Belluno e Bolzano insieme alle altre Città alpine ai bandi europei per le Smart City.
“Ho colto l’occasione per parlare anche di integrazione gomma-rotaia per la provincia di Belluno”, ha riferito Massaro, “dato che l’ingegner Moroder vanta una lunga esperienza nel settore. In particolare abbiamo approfondito l’aspetto della replicabilità dell’integrazione gomma-rotaia avviata in Val Venosta alla Provincia di Belluno”. L’ing. Helmuth Moroder prima di essere nominato Direttore Generale del Comune di Bolzano è stato direttore tecnico della STA (Strutture Trasporto Alto Adige) s.p.a. e direttore della SBA – Infrastrutture Ferroviarie Alto Adige s.r.l..

Infine Massaro ha incontrato il Rettore dell’Università di Bolzano, prof. Walter Lorenz, per verificare l’interesse dell’Ateneo alla collaborazione col Comune di Belluno nell’avvio del progetto Belluno Smart City, che sarà oggetto di ulteriori approfondimenti. Inoltre è stata affrontata la tematica della difficoltà di partnership con le istituzioni universitarie del territorio bellunese a seguito della chiusura della Fondazione Alta Cultura.

- Advertisment -

Popolari