13.9 C
Belluno
venerdì, Dicembre 4, 2020
Home Cronaca/Politica Nuovo presidente della provincia: avanza il nome di Alessandra Buzzo, sindaco di...

Nuovo presidente della provincia: avanza il nome di Alessandra Buzzo, sindaco di Santo Stefano di Cadore che sfida le vecchie logiche di partito

Alcuni giorni fa il Movimento Bard Belluno autonoma Regione Dolomiti aveva indicato, senza farne il nome, la candidatura del nuovo presidente della provincia, che sarà deciso dal voto dei 728 sindaci e consiglieri comunali bellunesi.

All’identikit del proprio candidato ideale il Bard aggiungeva che sarebbe stata una donna delle Terre alte della provincia.

Ebbene, ieri, giovedì 13 settembre “Un gruppo di amministratori di appartenenza trasversale, aperti alla partecipazione attiva, e rappresentanti il territorio della Provincia di Belluno si è riunito nel capoluogo assumendo con responsabilità la decisione di costituire una lista per le prossime elezioni provinciali”.

Lo riferisce una nota a firma de “Il Comitato Belluno Dolomiti” che sembra rappresentare in pieno le istanze del Bard. “Si tratta di amministratori ai quali sta a cuore il territorio – prosegue la nota –  e che sono estranei alle logiche di spartizione del potere e hanno pertanto elaborato per dare un futuro alla Provincia un programma elettorale basato su cinque assi strategici”.

 

Alessandra Buzzo
Alessandra Buzzo

L’identikit ora è completo: Alessandra Buzzo, sindaco di Santo Stefano di Cadore.

Questa però è l’indicazione di voto del Bard, la cui forza elettorale non è al momento misurabile perché il Movimento non si è mai presentato ad elezioni. E a votare il nuovo presidente della Provincia saranno quei sindaci e consiglieri eletti in liste di partiti o comunque in liste civiche di orientamento centrodestra o centrosinistra e dunque assoggettati alle logiche di partito. I Comuni più popolati (Belluno e Feltre) hanno peso maggiore nella decisione e dunque le cosiddette Terre alte della provincia sono certamente svantaggiate nella rappresentatività.

L’obiettivo del Comitato Belluno Dolomiti, insomma, appare come la cima di una montagna ritenuta ad oggi irraggiungibile.  Ma lo era anche la scalata di Jacopo Massaro a sindaco di Belluno, solo contro Pd e Pdl eppure ce l’ha fatta e l’impresa potrebbe divenire senz’altro oggetto di studio nelle Facoltà universitarie di scienze politiche.

Dunque, in politica come dice il vecchio detto 2+2 non fa mai 4.

In ogni caso Alessandra Buzzo oppure Maria Antonia Ciotti, anche lei sindaco donna delle Terre Alte (Pieve di Cadore) e anche Daniela Larese Filon (Auronzo di Cadore) dovranno vedersela con una serie di candidati “ortodossi” graditi agli equilibri dei partiti.

I nomi che vanno per la maggiore sono quelli di Vania Malacarne (sindaco donna di Lamon), Roberto Padrin (Longarone), Sisto Da Roit (Agordo). E anche, dalle Terre alte, Leandro Grones (Livinallongo del Col di Lana) e Mario Manfreda (Lozzo di Cadore). E l’outsider sindaco di Calalzo Luca De Carlo.

Share
- Advertisment -

Popolari

Firmato oggi in Prefettura il Piano per la legalità

Belluno, 4 dicembre 2020   Riaffermare la presenza dello Stato in nome della legalità. Evitare qualsiasi eventuale infiltrazione della criminalità organizzata. Ribadire la trasparenza come...

Prevenzione. Le iniziative del Sap per le donne e gli uomini in divisa

Belluno, 04 dicembre 2020 – Convenzione per tampone rapido naso-faringeo per la ricerca dell’antigene Covid-19 e campagna di prevenzione del tumore al seno. Sono queste...

Annullati gli spettacoli di Natalino Basso e Vittorio Sgarbi al Comunale

Gli spettacoli di Natalino Balasso (Velodimaya) e Vittorio Sgarbi (Raffaello) previsti a maggio 2020 al Teatro Comunale di Belluno e sospesi a causa della...

Oggi Santa Barbara, patrona dei Vigili del Fuoco. I dati del 2020

Oggi 4 dicembre, Santa Barbara Patrona dei Vigili del fuoco. Santa Barbara  rappresenta la capacità di affrontare il pericolo con fede, coraggio e serenità...
Share