13.9 C
Belluno
giovedì, Giugno 20, 2024
HomeCronaca/PoliticaSpecificità: già e non ancora. Giacomo Deon: "La specificità regionale deve fare...

Specificità: già e non ancora. Giacomo Deon: “La specificità regionale deve fare i conti anche con la specificità nazionale”

 

Giacomo Deon
Giacomo Deon

“Dopo il voto di ieri in 1^ Commissione Consiliare, finalmente, il progetto di legge n. 370 andrà in Consiglio regionale per la definitiva approvazione. Stiamo parlando della Specificità Bellunese. Ancora una volta…. Entriamo nella fase del ‘già e non ancora’.” Ad affermarlo è il presidente di Confartigianato imprese Belluno Giacomo Deon.

” “Già” perché, con l’approvazione del provvedimento – prosegue Deon –  , la specificità di fatto è ottenuta, anche se manca l’ultimo passaggio formale in Consiglio regionale. “Non ancora” perché la specificità regionale, concessa in base al noto articolo 15 dello Statuto della Regione Veneto, deve fare i conti con la “specificità nazionale”, che dovrebbe entrare nelle norme costituzionali che si stanno dibattendo in questi giorni.

Ecco perché siamo nel “già e non ancora”. Tutto si lega. La prospettiva di ottenere una norma costituzionale che riconosca il Bellunese, in quanto territorio totalmente montano e confinante con territori a Statuto speciale, è decisiva e consolida il risultato regionale. Sono riforme entrambe necessarie: un livello dello Stato non può prescindere dall’altro, entrambi hanno responsabilità. Il momento che il Bellunese sta vivendo è eccezionale e va considerato.

La Regione Veneto, dopo il via libera di ieri, ha dimostrato, per ora, di aver fatto il suo dovere. A Roma, la partita è solo iniziata e, forse, durerà per buona parte dell’estate. Nonostante le rassicurazioni degli onorevoli rappresentanti bellunesi in Parlamento è necessario che il livello di attenzione non venga meno, anche in periodo feriale.

Noi – conclude Deon –  siamo dalla parte di chi ripone grandi speranze nelle riforme suddette e siamo convinti che il nostro territorio abbia bisogno, come l’aria, di spazi di autonomia. In questo periodo non verrà meno la nostra attenzione su quanto sta accadendo a Roma e Venezia”.

 

- Advertisment -

Popolari