13.9 C
Belluno
giovedì, Febbraio 29, 2024
HomePrima PaginaDal 17 al 20 luglio ritorna la Coppa d'Oro delle Dolomiti. Le...

Dal 17 al 20 luglio ritorna la Coppa d’Oro delle Dolomiti. Le auto storiche passeranno per Belluno venerdì 18 luglio

coppa d'oro 2013 porsche 356E’ stata presentata questa mattina a Palazzo Piloni la Coppa d’Oro delle Dolomiti, alla presenza del presidente dell’Automobile Club di Belluno Gianpaolo Bottacin, del
consigliere comunale di Belluno Emiliano Casagrande, del presidente del Comitato organizzatore della Coppa d’Oro delle Dolomiti Alessandro Casali. La prestigiosa gara di regolarità per auto storiche è inserita nel calendario internazionale Ac/Csai Fiva, e vede sfidarsi tra loro le più belle automobili costruite dal 1919 al 1965 attraverso un percorso di 584 chilometri con salite e tornanti mozzafiato e ben 58 prove cronometrate e 4 di media. Una gara complessa, dunque, che come ha ricordato il presidente dell’Automobile Club di Belluno Giampaolo Bottacin, si conferma motivo di orgoglio per il territorio Bellunese, e che porta con sé enormi potenzialità grazie ai contatti sul piano internazionale.

Seconda manifestazione a livello nazionale, la Coppa d’Oro, presenta quest’anno due importanti novità: in primo luogo le date della competizione che, in omaggio alle passate edizioni del 1947 e 1956, sono state fissate dal 17 al 20 luglio; e, non meno importante, il passaggio per la città di Belluno (previsto per le ore 11 di venerdì 18 luglio), in ricordo della tradizione, quando nel lontano 1947 l’allora presidente dell’Automobile Club Belluno Ferruccio Gidoni pensò di organizzare proprio sulle Dolomiti tale manifestazione. Pur restando in contatto con la tradizione, nel corso degli anni il fascino che caratterizza la Coppa d’Oro ha saputo rinnovarsi e internazionalizzarsi: oggi essa rappresenta un appuntamento imperdibile per i ‘gentleman drivers’ che ad ogni tappa si entusiasmano a bordo delle loro vetture-gioiello, e per tutti gli appassionati che li spronano. Da sempre la gara è vetrina internazionale anche per i prestigiosi marchi automobilistici, quali Mercedes-Benz, Porsche, Bmw e Jaguar, che concorrono accanto agli italiani Ferrari, Alfa, Lancia, Bugatti e Maserati.

Alessandro Casali
Alessandro Casali

Come spiega Alessandro Casali, presidente del Comitato organizzatore, il rilancio della Coppa d’Oro, dopo quello avvenuto per la gara Mille Miglia, è stata una sfida impegnativa e l’obiettivo e far sì che essa diventi il fiore all’occhiello delle gare automobilistiche classiche nel mondo. Il monito è rivolto alla Regione Veneto e alla Provincia di Belluno affinché la Coppa d’Oro diventi il cavallo di battaglia per manifestare e promuovere il nostro territorio: la straordinaria bellezza dei 14 passi dolomitici toccati lungo il percorso rendono, infatti, la gara suggestiva e ineguagliabile.

Quella di quest’anno rappresenta la quattordicesima edizione rievocativa della Coppa d’Oro delle Dolomiti e sarà, inoltre, una manifestazione all’insegna della multisensorialità, per dare agli ospiti un connubio di cultura, arte e gusto. I drivers, puntualizza Casali, non giungono a Cortina soltanto per la parte sportiva, ma anche per quella paesaggistica e culturale; a tale scopo, come da programma, potranno godere del soggiorno negli alberghi migliori e di appuntamenti esclusivi, quali ad esempio la ‘Cena di gala’ presso il Kurhaus di Merano curata dal rinomato chef Gianfranco Vissani.

Alla competizione prenderanno parte, inoltre, alcuni campioni dello sport, come il pluripremiato pilota di Formula 1 Jarno Trulli, il quindici volte campione del motomondiale Giacomo Agostini, e il pilota tedesco Jochen Mass. A competere quest’anno ci sarà anche una Riley Nine Brooklands del 1929, auto di una casa automobilistica che  ha segnato un pezzo importante della storia dell’automobilismo. Madrina dell’evento sarà l’attrice Isabelle Adriani.

Per partecipare alla Coppa d’Oro delle Dolomiti è possibile iscriversi on line fino al 25 giugno 2014 sul sito www.coppadorodelledolomiti.it.

Sperando che quest’anno la pioggia bellunese ci risparmi e che il sole splenda sulla gara dove ‘la passione tocca le vette più alte’.

(Alberto De Nart)

 

- Advertisment -

Popolari