13.9 C
Belluno
giovedì, Febbraio 29, 2024
HomeLettere OpinioniPolizia di Stato: sabato la cerimonia per il 162mo anniversario della fondazione....

Polizia di Stato: sabato la cerimonia per il 162mo anniversario della fondazione. Bilancio positivo, trend discendente della criminalità

 

Questura di Belluno
Questura di Belluno

La cerimonia il cui titolo celebrativo sarà “Esserci sempre”, anche per quest’anno, in linea con la situazione economica difficile che stanno vivendo molti nostri connazionali, sarà celebrata con la massima sobrietà. Il programma prevede che nella giornata di sabato 10 maggio il questore, unitamente al  prefetto, deporranno una corona di alloro alla lapide che ricorda i caduti della Polizia di Stato sita presso la caserma Raniero. Successivamente alle ore 11.00 sarà aperto il salone di rappresentanza della Prefettura dove, alla presenza delle autorità provinciali, sarà premiato il personale della Polizia che si è distinto in operazioni di polizia giudiziaria e soccorso pubblico.

Ecco i riconoscimenti:

Encomio” al Primo dirigente della Polizia di Stato Giuseppe di Mauro. Con la seguente motivazione: “Dirigeva una laboriosa indagine di Polizia Giudiziaria, che si concludeva con l’arresto di un spacciatore e con il sequestro di quattro chilogrammi di marijuana, di tre pistole e di numerose dosi di cocaina. Evidenziava nella circostanza notevoli capacità professionali. Fatti avvenuti a Catania 04 gennaio 2012.

Lode” all’Ispettore superiore Guglielmo Cassol, al Sovrintendente Omar Balzan, all’Assistente capo Pierluigi Bof, all’Assistente capo Alessandro De marco. Con la seguente motivazione: “per l’impegno profuso nel coordinare ed espletare un’operazione di Polizia giudiziaria che si concludeva con l’arresto in flagranza di reato di un soggetto responsabile di rapina aggravata in danno di un supermercato. Fatti avvenuti in Belluno il 14 marzo 2012.

Lode” all’Assistente capo Erik Faneo e all’Assistente Massimiliano Prenot. Con la seguente motivazione: “Evidenziando capacità professionali e generoso altruismo, espletavano un intervento di soccorso pubblico a favore di un uomo che, posizionato sul lato esterno di un ponte, minacciava di gettarsi nel vuoto. Nella circostanza riuscivano ad assicurare alla ringhiera il malcapitato e a sostenerlo privo di sensi, fino all’arrivo dei soccorsi”

Attività’ della Polizia di Stato nella provincia di Belluno dal 1° maggio 2013 al 30 aprile 2014.

POLIZIA DI PREVENZIONE

Il titolo celebrativo di quest’anno “Esserci sempre” non poteva descrivere in maniera migliore quella che è stato la mission delle donne e degli uomini della Polizia di Stato nella provincia di Belluno, che da sempre vicini ai bisogni dei cittadini, hanno cercato per quanto possibile di fornire una risposta alle molteplici esigenze provenienti dalla collettività. Nello specifico al numero 113 sono pervenute 29055 chiamate di soccorso a cui sono seguiti 1731 interventi effettuati dalle volanti della Questura e dalle pattuglie del commissariato di Cortina. In questa direzione, si inquadra la scelta di privilegiare i servizi esterni e di controllo del territorio, mantenendo il maggior numero possibile di pattuglie nell’arco delle 24 ore, riuscendo, nonostante le carenze di organico dovute al mancato ricambio di personale andato in pensione, a mantenere invariato il numero degli operatori su strada, soprattutto grazie al costante sacrificio degli uomini e delle donne che vestono la divisa.

Sebbene Belluno sia stata e sia tuttora una delle Provincie più sicure d’Italia, la piaga dei furti che ha colpito anche questo territorio, ha fatto crescere il senso di insicurezza di questa comunità. Per arginare il fenomeno sono stati predisposti 84 servizi straordinari di controllo del territorio rispetto ai 39 dell’anno precedente, utilizzando tutte le risorse locali e servendosi costantemente di rinforzi provenienti da Padova. La persistente azione di contrasto ha prodotto effetti concreti facendo diminuire il totale dei furti in provincia che sono passati da 1878 a 1770. Il calo più sensibile si è avuto sui furti su auto in sosta che sono diminuiti da 237 a 199, mentre si osserva un seppur lieve aumento dei furti in abitazione che sono passati da 380 a 396. Pertanto la prossima sfida della Polizia di Stato di Belluno sarà quella di riuscire a far calare anche questo dato. Sempre allo scopo di debellare questo trend criminale si è monitorato e seguito con attenzione anche la fenomenologia di soggetti che da altre provincie raggiungono il bellunese per compiere attività criminale soprattutto di tipo predatorio. Al riguardo un duro colpo a tale tipo di criminalità è stato assestato dalla locale squadra mobile che in data 10 marzo, in collaborazione con i colleghi di Trieste e i carabinieri di Belluno ha tratto in arresto 5 persone poiché in concorso tra loro tentavano di sottrarre il denaro contenuto nella cassa continua del centro commerciale “Famila” di Feltre, utilizzando come ariete, per lo sfondamento della saracinesca metallica, un’autovettura asportata poco prima in zona. Il tutto con le aggravanti di aver commesso il fatto con violenza sulle cose, portando indosso armi e detenendo illegalmente esplosivo.

Il trend discendente della criminalità è comunque confermato dal numero totale dei delitti denunciati calati da 4856 a 4776. Sebbene i reati siano diminuiti, il numero di arrestati è stato il medesimo dell’anno precedente 31, mentre si è avuto un calo dei denunciati che sono diminuiti da 454 a 420. Belluno si conferma anche una realtà poco colpita da espressioni predatorie violente, in quanto le rapine si attestano a 11 confermando il dato poco significativo dell’anno precedente. Sebbene la Provincia non sia da annoverare tra le grandi piazze di spaccio di sostanze stupefacente, la costante attenzione al fenomeno ha portato all’arresto di 9 persone per fatti attinenti a detenzione e cessione di droghe. Anche se risulta difficile circoscrivere tale tipologia di crimini in un contesto territoriale , si può sicuramente affermare , in linea con il dato generale a livello nazionale, che è il web la nuova frontiera per i reati. Si registra che nel periodo di riferimento 458 truffe e frodi informatiche sono state denunciate a Belluno ed anche in questo caso la risposta della Polizia di Stato non si è fatta attendere.

In particolare si segnala l’operazione posta in essere dal Commissariato di Cortina d’Ampezzo che ha portato all’individuazione e denuncia per truffa di due donne napoletane che avevano raggirato due anziani ( uno di Cortina e uno di Portoferraio), convincendoli a versare migliaia di euro in cambio di una possibile quanto improbabile futura relazione sentimentale.

Il modello Polizia di Prossimità è stato attuato attraverso diverse iniziative, tra le quali continua a raccogliere grande consenso nella popolazione la figura del poliziotto di quartiere, il cui compito principale è stato quello di consolidare il rapporto tra cittadini ed istituzioni, riducendo la percezione di insicurezza nella comunità. I risultati positivi di questa esperienza hanno suggerito di estendere l’operato di questa figura ad altri quartieri del capoluogo.

Nella stessa direzione sono andati gli incontri nelle scuole, che quest’anno sono stati 190 e che hanno visto personale della Stradale, della Postale dell’UPGSP. e dell’Ufficio di Gabinetto parlare ai ragazzi in modo concreto dei problemi che più da vicino li toccano: l’uso delle droghe e l’abuso di bevande alcoliche, il fenomeno del bullismo, la sicurezza stradale e il corretto uso di internet. L’attenzione non è stata rivolta solo al mondo giovanile, ma anche per le fasce più deboli e indifese della popolazione, come gli anziani a cui è stato spiegato come difendersi dalle truffe, nonché alle donne e ai minori vittime di violenza.

POLIZIA AMMINISTRATIVA E DELL’IMMIGRAZIONE

La Polizia Amministrativa e dell’Immigrazione ha effettuato la seguente attività:

Attivita’ Polizia Amministrativa

Passaporti rilasciati

6262

Rilasci licenze armi

1666

Esercizi pubblici controllati

21

Attivita’ Polizia dell’immigrazione

Permessi e carte di soggiorno rilasciati

8066

Cittadinanze

807

Espulsioni (ordine del questore, su prec. espulsione, con intim.)

142

Accompagnamenti alla frontiera

31

Accompagnamenti presso centri permanenza temporanea

10

SPECIALITA’ DELLA POLIZIA DI STATO

POLIZIA STRADALE

La Polizia Stradale di Belluno (sezione Capoluogo e distaccamenti di Valle di Cadore e Feltre) ha garantito 2958 pattuglie di vigilanza stradale rilevando complessivamente 280 incidenti di cui 14 con conseguenze mortali. Sono stati accertati complessivamente 7.351 illeciti (penali ed amministrativi), per un ammontare di 278950 euro tra i quali:

110 per guida in stato di ebbrezza e n. 296 patenti ritirate.

 

POLIZIA FERROVIARIA

La polizia ferroviaria opera in via prioritaria per la tutela dell’esercizio ferroviario e per la sicurezza del relativo trasporto. Sono stati effettuati n. 1283 servizi vigilanza agli scali ferroviari, n. 90 servizi di pattugliamento linee ferroviarie e n. 1107 scorte a treni.

POLIZIA POSTALE

L’attivita’ della sezione polizia postale nel settore informatico è stata indirizzata principalmente ai reati inerenti l’e-commerce, l’hacking e la pedo-pornografia, con impiego di uomini e risorse nelle indagini di contrasto ai fenomeni legati alle truffe on-line, agli accessi abusivi a sistemi informatici, anche con analisi di materiale informatico sequestrato. Sono stati effettuati 2631 controlli agli Uffici Postali, sono state effettuate n. 173 indagini atte all’individuazione di truffe su sit web, n. 75 per phishing e n. 247 per clonazione e utilizzo indebito carte credito/bancomat.

 

- Advertisment -

Popolari