13.9 C
Belluno
sabato, Aprile 17, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti "Vajont, una rabbia più grande della pietà": sabato a Maserada sul Piave...

“Vajont, una rabbia più grande della pietà”: sabato a Maserada sul Piave con la Compagnia teatrale amatoriale Teatro del fiume

La compagnia teatrale amatoriale Teatro del fiume presenta: “Vajont, una rabbia più grande della pietà”.  Debutto il 22 Marzo 2014, ore 21.00, presso l’auditorium di viale Caccianiga a Maserada sul Piave.  Lo spettacolo  è una coralità di anime, di vittime, di voci tutte defunte che, in una dimensione ultra-terrena, superano il trauma della loro tragedia e, con non poche difficoltà dovute al descrivere il proprio vissuto (talvolta sommerso, talvolta nostalgico), riavvolgono il tempo all’indietro e affrontano con coraggio, uno per uno, i maggiori responsabili del più grave disastro dell’Italia moderna. In attesa di una sentenza che tolse alle vittime anche la giustizia e, da quello stesso processo che l’avrebbe dovuta far emergere, qui, finalmente, verrà dispiegato un processo umano, nella piena consapevolezza postuma di chi subì quel disastro: le persone.

vajont_2 Per alcune anime c’è la difficoltà di riaprire le ferite e farle sanguinare nuovamente. L’incontro-scontro con quei poteri, da sempre incapaci di ammettere le proprie colpe ma capaci di annichilire la verità o seppellire la giustizia, è necessario. La sofferenza delle vittime qui evolve in indignazione informata e in rabbia consapevole, per mostrare quanto solo la profonda conoscenza dei fatti possa fare la differenza tra chi subisce e chi infligge.

“Una rabbia più grande della pietà per i morti” enunciata dalla giornalista Tina Merlin, fu la frase più rappresentativa, di quella tragedia. Frase dalla quale si è partiti in questa ricerca dei fatti, incrociata con concreti personaggi e il loro vissuto, di quel mondo, cinquant’anni or sono. Vittime di quella maledetta notte o vittime postume, tutte, capaci però, di osservare e descrivere il prima e il dopo tragedia, sino all’attualità.

Al centro di tutto questo ci sono le donne e l’acqua. Le donne di Longarone, Erto e casso. Le donne soggiogate da quella società maschile e maschilista che, in nome della scienza e del progresso, non le vide e non le volle vedere. E infine l’acqua, elemento “chiave” di tutta la vicenda, quale valore da preservare (e tutelare) per la nostra vita su questa parte di mondo.

Ingresso libero e responsabile.

Share
- Advertisment -

Popolari

Accordo Confartigianato-Feinar-Volksbank per il Superbonus 110%. D’Incà: «Una risposta ai nostri associati e al territorio bellunese

Confartigianato Belluno ha sottoscritto ieri (venerdì 16 aprile) un importante accordo con Feinar e Volksbank per semplificare l'accesso al Superbonus 110%. La convenzione prevede...

Sopralluogo al lago di Centro Cadore. La Provincia studia un intervento di pulizia simile a quello avviato a Santa Croce. Bortoluzzi: «Fondamentale per la...

La Provincia di Belluno sta studiando un intervento di pulizia del lago di Centro Cadore, simile a quello avviato qualche settimana fa a Santa...

Restaurate tre cornici dell’Ottocento del patrimonio artistico del San Martino, grazie al Centro Consorzi di Sedico

Belluno, 16 aprile 2021 - Sono state riportate al loro splendore tre cornici storiche, che racchiudono dipinti dell’ottocento del patrimonio artistico dell'ospedale "San Martino"...

La storia di 4 partigiane. Berton (Confindustria): “Donne e libertà, esempi per non dimenticare”

Una iniziativa di Confindustria Belluno e Isbrec a 76 anni dalla Liberazione. Lunedì 19 aprile la presentazione del libro "La casa in montagna" con...
Share