13.9 C
Belluno
mercoledì, Febbraio 28, 2024
HomeCronaca/PoliticaAutonomia energetica, l'Agordino fa scuola. Il senatore Piccoli ha presieduto nel pomeriggio...

Autonomia energetica, l’Agordino fa scuola. Il senatore Piccoli ha presieduto nel pomeriggio di giovedì il seminario parlamentare per lo sviluppo della montagna

piccoli-giovanni-sindaco-leggera“Il futuro della montagna è sempre più smart: non può prescindere da un utilizzo responsabile dell’energia e della trasmissione dati. L’obiettivo finale resta quello dell’autonomia energetica, utile anche a evitare eventi disastrosi come i black-out vissuti tra fine dicembre e gennaio”.

Lo ha detto, portando anche esempi bellunesi, il senatore di Forza Italia Giovanni Piccoli che ieri a Roma ha aperto ufficialmente il Seminario parlamentare per lo sviluppo della montagna dal titolo “Nuove energie per le smart mountains”, accanto a diversi soggetti, da Uncem a Enel passando per il CAI, Federbim, FISI, Federtrek, Cipra, le Guide Alpine Italiane e la Convenzione delle Alpi.

“Discutere e approfondire i temi della valorizzazione della produzione di energia da fonti rinnovabili, del recupero energetico e della loro integrazione mediante reti smart, vuol dire anche aprire la strada a iniziative finalizzate ad un più completo rilancio socio-economico delle comunità locali”.

“Ogni applicazione di tipo smart”, ha affermato Piccoli, “richiede a monte un adeguato sistema informativo territoriale, in particolare sistemi “a circuito ridotto” in grado di gestire la produzione e il consumo energetico locale, che in montagna significherebbero attuare realmente forme di autonomia energetica”.

“Basta solo un esempio: le reti, da supporto per il controllo degli impianti, possono divenire veicolo per la trasmissione di dati utili, ad esempio, alla telemedicina, alla videosorveglianza, alla protezione civile, alla modernizzazione dell’offerta turistica”.

E qui Piccoli ha portato l’esempio dell’Agordino dove nell’ambito della pubblica illuminazione il Consorzio dei comuni bellunesi, con il supporto del CNR, ha attivato sistemi di controllo e programmazione in grado di associare il risparmio energetico ad ulteriori applicazioni di invio e scambio dati nei settori.

“In un periodo di opprimente crisi economica e sociale, non ritengo per nulla paradossale dire che è proprio dai territori montani, spesso periferici e complessi, che può partire uno stimolo concreto alla crescita. Ciò è senz’altro possibile anche grazie all’implementazione di soluzioni di tipo “intelligente”, attraverso le quali la montagna può essere resa più vivibile e accessibile, cioè un territorio che sia davvero “amico” per tutti i suoi molteplici fruitori e che possa così autoalimentare le proprie risorse”, ha concluso Piccoli.

 

- Advertisment -

Popolari