13.9 C
Belluno
lunedì, Aprile 19, 2021
Home Cronaca/Politica Maltempo. Il presidente Zaia dichiara lo stato di calamità in Veneto

Maltempo. Il presidente Zaia dichiara lo stato di calamità in Veneto

Zaia“Ho dichiarato, con un decreto, lo stato di calamità in Veneto a causa del maltempo. Abbiamo assegnato per le prime necessità un milione di euro”. Lo ha annunciato il presidente Luca Zaia, al termine della seduta odierna della giunta regionale nel corso della quale è stato deciso di presentare immediatamente la richiesta di recepimento da parte del governo per lo stanziamento delle risorse necessarie a far fronte all’emergenza. “Interventi – ha aggiunto – che tutte le Regioni più volte hanno chiesto al governo venga liberati dai lacci del Patto di stabilità”.

“Nel Veneto già colpito dall’alluvione del 2010 – ha aggiunto – i danni sono inimmaginabili e incalcolabili e i dati meteo sono peggiori rispetto al 2010. Faccio un appello ai media nazionali: si rendano conto che l’acqua non c’è solo a Fiumicino. L’attuale calamità coinvolge tutto il Veneto e c’è grande preoccupazione per quanto riguarda le temperature in questi giorni che dovrebbero essere i più freddi dell’anno. Questo caldo rischia di far sciogliere la neve che si è accumulata in montagna e riversare una mole enorme di acqua nei fiumi già ingrossati. Se si verificasse, sarebbe peggio che nel 2010”.

“In questo quadro – ha detto Zaia – è allucinante la situazione di difficoltà della montagna veneta che, tra neve e black-out, non ha fatto la stagione turistica invernale. A Natale si è registrato un -97%. Ma non sono da meno i disagi per la popolazione: 35 mila famiglie sono rimaste senza corrente elettrica per molto tempo. La verità è che tutto questo non è da paese civile. Ora abbiamo il grosso problema delle slavine. Una ha praticamente distrutto un impianto di risalita sulla Marmolada”.

Tornando alla situazione del dissesto idrogeologico, Zaia ha sottolineato che “le 925 opere realizzate sul territorio dopo l’alluvione del 2010 ci hanno permesso finora di respirare, ma non sappiamo quanto possano ancora reggere. Nonostante gli interventi, ci preoccupa infatti la consistenza di parecchi argini che sono fragili. Ci vuole un piano strategico nazionale. Quello per il Veneto lo abbiamo fatto e lo abbiamo notificato al governo. Non è possibile che distretti produttivi fondamentali siano messi in discussione per un po’ di pioggia. E va dato atto all’impegno dei comuni che fanno quello che possono, anche se ridotti al dissesto finanziario. Un ringraziamento va infine a tutti quelli che si stanno prodigando e in particolare al vero esercito sul campo che è quello dei volontari”.

Da parte sua l’assessore al bilancio Roberto Ciambetti ha fatto presente che lo stanziamento di un milione di euro è possibile come anticipazione, nonostante la Regione stia operando in regime di bilancio provvisorio, in quanto si tratta di una situazione di emergenze e di interventi di prima necessità,

 

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Karrycar, il primo servizio on line per il trasporto auto in tutta Italia realizzato dalla startup bellunese Droop srl.

Belluno, 19 aprile 2021 - Spedire o ritirare un’auto da un punto all’altro dell’Italia non è mai stato così facile, veloce e conveniente. E’...

Superbonus 110%. Veneto in testa per numero di pratiche

Secondo i dati ENEA, nel Nordest, i crediti ceduti sono pari a 128 milioni di euro e il Veneto con 853 interventi asseverati è...

VisitFeltre. Immagini e testo nella commedia: La giustizia di Traino.

Dialogo con Monica Centanni, giovedì 22 aprile 2021 ore 20.45 Una delle tensioni che attraversa la Commedia è la relazione tra immagine e parola, tra...

Gettati nella spazzatura. Le guardie zoofile dell’Oipa Verona salvano 30 piccoli uccelli. Chi ha visto ci contatti

Qualcuno ha deciso di fare piazza pulita dei nidi forse ignaro di commettere un reato punito dal Codice penale Due sacchi gettati in un cassonetto...
Share