13.9 C
Belluno
giovedì, Aprile 22, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Il mio studio è tra i boschi. L'arte contemporanea come impulso e...

Il mio studio è tra i boschi. L’arte contemporanea come impulso e interazione alla cultura del territorio

dolomiti contemporaneeDomenica 12 gennaio, Dolomiti Contemporanee, ha ospitato presso la Sala Consiliare Municipale di Erto e Casso un dibattito sulle Residenze d’artista legate ad ambienti naturali, dal titolo “Il mio studio è tra i boschi”.

L’incontro si è sviluppato attraverso il confronto tra tre realtà significative in questo ambito Italia, ovvero Dolomiti Contemporanee (Belluno/Pordenone e regione dolomitica), RAVE Residency (Udine) e Sponge ArteContemporanea (Pesaro-Urbino).

Gianluca D’Incà Levis, Tiziana Pers e Giovanni Gaggia, moderati dal curatore e giornalista Daniele Capra, si sono confrontati sul tema, sottolineando la capacità di apportare, attraverso le produzioni artistiche, nuovi impulsi e contributi significativi non solo a livello artistico/creativo, ma anche propulsivo, a livello di interazione sociale e culturale attiva, per il territorio.

I tre progetti, infatti, pur operando in una dimensione internazionale, concretizzano la loro azione sul territorio e le sue specificità.

Gremita la sala consiliare di Erto, da un pubblico accorso sia dal Veneto che dal Friuli, numerosi anche gli artisti. Presenti anche diversi rappresentanti delle amministrazioni con cui DC ha collaborato negli ultimi mesi (Comune di Erto e Casso, il Comune di Cimolais, il Comune di Trieste), e della Provincia e del Comune di Belluno.

Nel dibattito sono emerse da più parti considerazioni rilevanti rispetto alla necessità di operare nei contesti specifici attraverso politiche culturali integrate che sappiano collegare i diversi soggetti ed enti che attuano la governance e la valorizzazione dei territori stessi.

Questa modalità relazionale è particolarmente presente all’interno del progetto DC che continua la sua opera di integrazione di differenti àmbiti e network con l’obiettivo di implementare e valorizzare le risorse del territorio, dimostrando che attraverso azioni condivise è sicuramente possibile ottenere risultati efficaci, e che la cultura, se progettata secondo visioni e modelli strategici, può svolgere in ciò un ruolo funzionale.

Ci si è inoltre soffermati sugli aspetti di interazione e scambio tra i tre progetti e le comunità di riferimento, e sul rapporto specifico tra l’opera degli artisti ed il contesto naturale, inteso come risorsa incentivante e palestra potente di stimoli, fisici, concettuali, artistici, culturali.

I materiali raccolti nel corso del talk porteranno alla realizzazione di un documento video e alla pubblicazione di un atto.

Nella fase finale dell’incontro sono stati anticipati alcuni progetti della stagione 2014; per DC il riferimento è alle procedure già avviate per il riavviamento di una nuova struttura industriale assai rilevante e abbandonata nelle Dolomiti bellunesi e al lancio di un Concorso Internazionale per l’ideazione e progettazione di un’opera d’arte contemporanea che verrà ad essere realizzata sulla Diga del Vajont.

Subito dopo l’incontro vi è stato un momento conviviale con il buffet offerto da RAVE (mestolo d’argento).

Nel pomeriggio ci si è trasferiti quindi, chi in macchina chi a piedi attraverso il Trui dal Ciarbon che collega Erto e Casso, al Nuovo Spazio di Casso, dove è stato pussivbile visitare la mostra attualmente allestita.

 

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Aperta la nuova corsia di marcia della Statale 51 a Longarone

Venezia, 21 aprile 2021 - Avanzano i lavori nel tratto urbano di Longarone, in provincia di Belluno. Anas (Gruppo FS Italiane) ha aperto al traffico,...

Decreto riaperture. Ribon (Cna Veneto): “Il coprifuoco alle 22 d’estate sembra una incongruenza”

Marghera, 21 aprile 2021 - Torna la zona gialla e con essa le riaperture che dovrebbero iniziare con il 26 aprile prossimo: la ripresa delle...

Pulizia fontane. Addamiano: “Troppo comodo presentarsi a fine dell’opera e far credere che sia merito dell’Amministrazione”

"Un plauso convinto e un ringraziamento sincero a tutti i volontari del Servizio Civile Anziani e della Protezione Civile che, in perfetta coerenza con...

Cerimonia di apertura di Cortina 2021: il valore intangibile del primo evento live in era pandemica

Il ritorno sociale sull'investimento con il metodo SROI per misurare il valore extra-finanziario rispetto alle risorse investite. Ovvero, Quando le risorse investite generano un...
Share