13.9 C
Belluno
mercoledì, Febbraio 28, 2024
HomeCronaca/Politica6000 campanili. Ottengono il finanziamento Lamon, Vigo e Selva che hanno cliccato...

6000 campanili. Ottengono il finanziamento Lamon, Vigo e Selva che hanno cliccato entro i primi 24 secondi

Roger De Menech, deputato Pd
Roger De Menech, deputato Pd

I finanziamenti pubblici ai Comuni diventano un gioco di velocità, chi clicca per primo vince. Nel paese degli appalti truccati, dei concorsi per raccomandati e delle nipoti di Mubarak, l’ultima spiaggia dell’imparzialità sembra essere il criterio della velocità. Chi arriva prima vince. Così è più difficile barare al gioco. E dunque, cari sindaci, per la prossima corsa preparate l’Adsl da 100 Mega, mettete alla consolle uno studente di informatica e il gioco è fatto.

Sono state pubblicate oggi le graduatorie del provvedimento “6000 campanili” che distribuisce 100 milioni di euro ai Comuni italiani sotto i 5000 abitanti: la graduatoria si è esaurita in 24 secondi!

In Veneto vengono finanziati 8 comuni, di cui 3 in Provincia di Belluno: Lamon (936.000 €), Vigo di Cadore (985.000€) e Selva di Cadore (970.000 €).

“Come si intuisce – riferisce l’onorevole Roger De Menech –  sono cifre molto importanti per i Comuni interessati, che insieme al provvedimento approvato dentro la legge di stabilità – che alleggerisce in maniera consistente il patto di stabilità dei piccoli Comuni – consentono alle nostre comunità consistenti investimenti per migliorare i servizi e stimolare la nostra economia.

Con la speranza che nel prossimo futuro si inizi un percorso per distribuire le risorse in base alle effettive priorità del nostro territorio; il metodo attuato che premia la velocità di arrivo delle richieste rischia di svilire le progettualità dei comuni.

Se a ciò aggiungiamo che sono in arrivo ulteriori dotazioni finanziarie destinate esclusivamente alle Regioni del Sud, si fa concreto il rischio che alla casualità e all’occasionalità si aggiunga anche la sperequazione territoriale.

Servono urgenti correttivi, ad esempio espungendo i comuni delle aree convergenza dalla quota di finanziamento nazionale, e l’impegno formale del Ministro Lupi a porre in atto correttivi e nuovi stanziamenti al fine di non penalizzare i tanti Comuni esclusi per motivazioni indipendenti dalla loro volontà”.

Soddisfazione, quindi, del deputato bellunese del partito democratico Roger De Menech, per i 3 comuni: “la speranza è che il provvedimento venga rifinanziato per premiare anche gli altri Comuni che hanno partecipato al bando”.

- Advertisment -

Popolari