13.9 C
Belluno
mercoledì, Aprile 21, 2021
Home Cronaca/Politica In gravi condizioni sciatore travolto da una valanga a Misurina

In gravi condizioni sciatore travolto da una valanga a Misurina

soccorso alpino II zona dolomiti bellunesiAuronzo di Cadore (BL), 05-01-14 Sono gravi le condizioni di un uomo travolto da una valanga sui Cadini di Misurina, tra il rifugio Col de Varda e il Città di Carpi a circa 2.100 metri di altitudine. Da una prima ricostruzione, M.D.F., 58 anni, di Auronzo di Cadore (BL), che stava scendendo in pista dal Col Dom 5 gen 2014 Varda con gli sci d’alpinismo, è uscito per un tratto in neve fresca e in quel momento è avvenuto il distacco.

A lanciare l’allarme il figlio che lo precedeva. Non vedendolo arrivare, è tornato indietro e, vista la valanga, è corso a lanciare l’allarme. La prima squadra del Soccorso alpino di Auronzo ha impiegato cinque minuti a salire e 13 a individuare e liberare l’uomo da uno strato di circa 30 centimetri di neve, anche grazie alle indicazioni di un soccorritore di Pieve di Cadore che si trovava casualmente in zona. Una volta estratto, i soccorritori hanno continuato a praticare le manovre di emergenza, fino all’arrivo del medico trasportato sul luogo in motoslitta, vista l’impossibilità di intervenire dell’elicottero per il maltempo. Si pensa che lo sciatore sia rimasto sepolto una quarantina di minuti. Caricato in barella è poi stato trasportato a valle e affidato all’ambulanza diretta all’ospedale di Treviso. Presente anche il Corpo forestale dello Stato.

Il Soccorso alpino Dolomiti Bellunesi invita i frequentatori della montagna d’inverno, sia i residenti che gli ospiti, a prestare la massima attenzione sulla neve, in particolare fuori pista. Ricorda pertanto a quanti vogliano avventurarsi sulla neve fresca con sci, ciaspe, scarponi, ramponi, di essere prudenti, informandosi preventivamente sui luoghi in cui intendano muoversi, di consultare i bollettini della neve dell’Arpav, di chiedere ulteriori informazioni a guide alpine e rifugi, evitando luoghi rischiosi. Invita altresì tutti a dotarsi dell’attrezzatura opportuna, a partire dagli strumenti di autosoccorso (Artva, pala e sonda), e a non affrontare itinerari al di sopra delle proprie capacità.

In caso di necessità il numero unico di emergenza è il 118.

Di seguito il link al bollettino dell’Arpav neve e valanghe:

http://www.arpa.veneto.it/neve_valanghe/it/pdf/dolomiti_nevevalanghe.pdf

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Variante Tai di Cadore, conclusa la conferenza dei servizi. Commissario Gemme: “In corso la redazione del progetto. Poi la gara per affidare i lavori”

Si è conclusa ieri la seduta finale della Conferenza di Servizi che ha autorizzato il progetto definitivo della Variante di Tai di Cadore, al...

Al via la IV edizione del Premio traduzione per studenti al 4° e 5° anno delle superiori

Al via le iscrizioni alla IV Edizione del Premio Traduzione SSML – Fusp sede di Belluno. La sfida che ogni anno il corso triennale...

Nuovo Commissario per la gestione post Vaia. Scarzanella: «Soragni figura di rilievo, ora un ragionamento condiviso con le imprese»

Ugo Soragni è il nuovo Commissario delegato per l'emergenza legata alla tempesta Vaia. Già direttore dei Musei del ministero dei Beni Culturali, raccoglie il...

Avvicendamento alla Lega giovani: Paolo Luciani lascia, entra Marco Donno

Belluno, 20.4.2021 - Cambio al vertice della Lega Giovani della Provincia di Belluno. Il coordinamento provinciale giovanile leghista si aggiorna dopo quattro anni per...
Share