13.9 C
Belluno
lunedì, Aprile 12, 2021
Home Cronaca/Politica Terremoto frode fiscale in Veneto. Zanoni: “I cittadini veneti onesti vogliono sapere...

Terremoto frode fiscale in Veneto. Zanoni: “I cittadini veneti onesti vogliono sapere chi ha rubato”

Andrea Zanoni eurodeputato Idv
Andrea Zanoni eurodeputato Idv

“I cittadini veneti, quelli che pagano le tasse, quelli che lavorano sodo, insomma tutti i cittadini onesti vogliono conoscere i nomi dei politici e dirigenti che hanno intascato tangenti. Speriamo di conoscerli presto, prima è meglio è per tutti”. E’ il commento dell’eurodeputato (Pd) Andrea Zanoni a quanto sta emergendo dalle indagini della Procura di Venezia su quella che potrebbe diventare la nuova tangentopoli veneta. “Mi auguro che la collaborazione della Regione Veneto con gli inquirenti sia massima e che venga fatta piena luce sulle responsabilità politiche passate e presenti”.

Gli interrogatori dell’ex presidente della Mantovani Spa, Piergiorgio Baita, e dell’ex presidente del Consorzio Venezia Nuova, Giovanni Mazzacurati, hanno aperto decine di fronti nuovi dopo gli arresti dello scorso febbraio (Piergiorgio Baita e Nicolò Buson, rispettivamente patron e responsabile amministrativo della Mantovani spa, Claudia Minutillo, ex segretaria di Giancarlo Galan al tempo in cui era Governatore del Veneto, e ora Ad di Adria Infrastrutture spa e William Colombelli, a capo della Bmc Broker srl con sede a San Marino).

“Il mondo imprenditoriale, quello amministrativo e quello politico in Veneto devono essere ripuliti a fondo. I responsabili di eventuali illeciti e corruzioni devono essere assicurati alla giustizia. Ai cittadini va mostrata la massima trasparenza anche affinché il pericoloso sentimento di anti politica non attecchisca nella nostra regione più di quanto non lo sia già”, conclude l’eurodeputato.

I verbali riempiti dal Pubblico ministero Stefano Ancilotto – ora affiancato dai colleghi Stefano Buccini e Paola Tonini – in occasione dell’interrogatorio a Baita e Mantovani, parlano di finanziamenti illeciti pagati a politici di destra e sinistra per aggiudicarsi determinati appalti. “Sono proprio curioso di sapere per quali opere sono state versate delle tangenti. Questo spiegherebbe perché troppo spesso in Veneto i reali interessi dei cittadini e la tutela dell’ambiente sono calpestati in occasione della costruzione di certe grandi opere”, conclude Zanoni.

 

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Non sei sola. Campagna d’informazione in aiuto alle donne vittime di violenza e stalking

È la campagna di informazione promossa dall'Associazione Belluno-DONNA Onlus che beneficia della partecipazione di Federfarma Belluno, l'Associazione Sindacale Provinciale dei Titolari di Farmacia di...

Non solo pranzo e cena: i consigli per l’aperitivo perfetto

L’aperitivo è diventato sempre più un rito apprezzato nella vita sociale di tutti i giorni, una scusa per un momento di convivialità con gli...

Meteo, criticità fino a martedì. Temporali e neve fino a 1000 metri. Pericolo valanghe

Venezia, 11 aprile 2021 - La perturbazione che sta interessando il Veneto ha spinto il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile della Regione a dichiarare...

Mortalità, covid, economia, politica * di Enzo De Biasi

Covid 19: Vaccinare tutti e presto, oltre che una protezione sanitaria, rappresenta il primo mattone vero per la ripresa economica. Draghi può procedere anche...
Share