13.9 C
Belluno
martedì, Aprile 20, 2021
Home Cronaca/Politica Furti nei centri commerciali. La polizia individua un ladro

Furti nei centri commerciali. La polizia individua un ladro

polizia 150x100Nell’ambito del rafforzamento dei controlli sul territorio disposti dal Questore di Belluno Ingrassia finalizzato al contrasto dei reati contro il patrimonio, nel corso della giornata del 31 dicembre gli agenti della Squadra Volante hanno dedicato maggiore attenzione al controllo delle zone del centro del capoluogo e lungo le principali strade che collegano la città con il resto della provincia.

Durante l’attività di prevenzione e controllo, gli operatori della Volante, nel primo pomeriggio, notavano un veicolo aggirarsi in modo sospetto nei pressi della zona dei centri commerciali. Prontamente gli agenti fermavano l’autovettura per procedere ad un controllo approfondito del mezzo e degli occupanti. All’interno del mezzo vi erano tre cittadini rumeni, residenti in provincia di Treviso, due dei quali con svariati precedenti di polizia a carico per furti consumati all’interno di esercizi commerciali. In ragione di ciò, gli agenti portavano in Questura i fermati procedendo alla perquisizione dei soggetti la quale veniva estesa anche all’autovettura dove venivano rinvenuti alcuni capi di abbigliamento che presentavano vistosi strappi dovuti, presumibilmente, alla rimozione delle relative placche anti-taccheggio. Gli agenti riuscivano ad individuare i negozi che avevano subito il furto dei capi di abbigliamento.

Messi alle strette, uno dei tre confessava i reati commessi. Il giovane, di anni ventuno, spiegava che aveva asportato i capi di abbigliamento rimuovendo con la forza i dispositivi anti-taccheggio e utilizzando una borsetta da donna per occultare la merce. Il cittadino rumeno veniva denunciato in stato di libertà per furto continuato aggravato. Mentre un altro componente del gruppo veniva denunciato per violazione del provvedimento del Divieto di Ritorno nel Comune di Belluno e Sedico, già emesso in precedenza dal Questore della durata di anni tre. Di conseguenza, risultando inottemperante, veniva denunciata in stato di libertà per il reato previsto. Nei confronti dei tre, sussistendo i requisiti, il Questore applicava la misura di prevenzione del rimpatrio, con foglio di via obbligatorio, verso i luoghi di residenza.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Campagna vaccinale Ulss Dolomiti: vaccinati il 92% degli ultraottantenni in Provincia

Belluno, 19 aprile 2021 - Si è conclusa nel pomeriggio l'ultima giornata di accesso libero per gli over 80 a Tai di Cadore, con...

Sopralluogo alla frana di Valle di Cadore. Bortoluzzi: «Studiamo la situazione geologica per ipotizzare gli interventi più funzionali»

I tecnici incaricati dalla Provincia di Belluno hanno effettuato una serie di sopralluoghi a Valle di Cadore, lungo il versante sotto l'abitato di Costa...

Karrycar, il primo servizio on line per il trasporto auto in tutta Italia realizzato dalla startup bellunese Droop srl.

Belluno, 19 aprile 2021 - Spedire o ritirare un’auto da un punto all’altro dell’Italia non è mai stato così facile, veloce e conveniente. E’...

Superbonus 110%. Veneto in testa per numero di pratiche

Secondo i dati ENEA, nel Nordest, i crediti ceduti sono pari a 128 milioni di euro e il Veneto con 853 interventi asseverati è...
Share