13.9 C
Belluno
martedì, Aprile 20, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Danni per interruzione energia elettrica nel Bellunese. Deon (Confartigianato Belluno): “Ancora a...

Danni per interruzione energia elettrica nel Bellunese. Deon (Confartigianato Belluno): “Ancora a luglio scorso avevamo denunciato il rischio: sindaci, consiglieri regionali e parlamentari bellunesi non ci hanno ascoltato”

Giacomo Deon
Giacomo Deon

Belluno, 30 dicembre 2013. “Non è ammissibile che una nevicata metta in ginocchio mezza provincia di Belluno, lasciando aziende e cittadini privi per tre giorni di un servizio primario, quale l’energia elettrica”, afferma laconico Giacomo Deon, presidente di Confartigianato Imprese Belluno.

“Quanto fa infuriare – precisa il presidente Deon – è il fatto che Confartigianato Imprese Belluno ancora a luglio scorso aveva lanciato l’allarme che questa situazione sarebbe potuta accadere. Lo avevamo detto e denunciato scrivendo a tutti i sindaci della provincia, nonché ai consiglieri regionali e ai parlamentari bellunesi, invitandoli a prestare attenzione”.”Neanche cinque mesi dopo – dice Deon – è successo”.

I fatti sono questi.

Confartigianato Imprese Belluno nella scorsa estate, infatti, a seguito della gara d’appalto di Enel per il “lotto 4-Triveneto Nord” (che raggruppa le province di Belluno, Treviso e il Friuli Venezia Giulia) denunciava l’assegnazione dell’appalto alla RTI consorzio “Arcipelago scrl – SIRTI spa”: una compagine operativa composta da aziende provenienti da fuori provincia, che non si avvale né di aziende bellunesi, né venete.

L’appalto, oltre a prevedere la realizzazione di nuove linee, include, precisamente, anche interventi a seguito di guasti sulle linee elettriche di media e bassa tensione, da eseguirsi con la massima urgenza (Enel prevede l’intervento in massimo 2 ore) e in qualsiasi condizione climatica e di localizzazione della linea.

E’ qui che già a luglio Confartigianato Imprese Belluno si è chiesta – inviando lettere ai Sindaci e ai rappresentanti bellunesi in Regione e al Parlamento – se queste condizioni potessero venir rispettate in caso di condizioni climatiche avverse, in un territorio montano e impervio (in particolare dove passa gran parte delle linee elettriche) come la provincia di Belluno. L’invito era di “sorvegliare e monitorare l’esecuzione dell’appalto affinché potesse essere segnalata a Enel ogni eventuale carenza o inefficienza”. La lettera di Confartigianato Belluno (datata 29 luglio 2013) aggiungeva anche “in questo modo non solo si svolgerà un’azione di tutela dei legittimi interessi della comunità, ma saranno acquisiti elementi che, in prospettiva, potranno motivare la contestazione alla stessa Società dell’errato approccio di gara, rispetto a un territorio da sempre riconosciuto peculiare e al quale Enel era ed è comunque legata da oggettive e storiche cointeressenze, che la gara di cui trattasi non ha sicuramente considerato”. E la lettera chiudeva “ai Sindaci chiediamo quindi di monitorare gli interventi eseguiti sul territori odi competenza e di segnalare – direttamente a Enel o alla scrivente Associazione – ogni ingiustificata carenza, inefficienza o ritardo che crei disagio alla popolazione e alle aziende”.

“Nessuno è profeta in patria – dichiara il presidente Giacomo Deon – ma la documentazione spedita nei mesi scorsi ci permette, oggi, di alzare la voce e di sottolineare pubblicamente il silenzio di chi non ci ha dato ascolto e magari ora si lamenta o lancia strali. Qualcuno dovrà, invece, darci delle spiegazioni. Le nostre aziende artigiane, dal Comelico all’Agordino, hanno subito gravi danni economici, basti pensare solo alle attività legate all’alimentazione, all’acconciatura ed estetica, ai servizi noleggio per le quali queste giornate di feste natalizie sono particolarmente importanti per i bilanci aziendali”.

“Ci fa piacere – aggiunge Giacomo Deon – che anche il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, abbia chiesto a gran voce di indagare e di individuare le responsabilità di questa situazione. Ma forse è ora, per non dire che è tardi, di cambiare approccio: finiamola di intervenire per curare e abituiamoci a prevenire. E’ l’unica via per governare meglio e fare vera spending review”. “Se avevamo bisogno di una conferma, questa nevicata ce l’ha data – rimarca ancora Deon – la provincia di Belluno è un territorio che abbisogna assolutamente e improrogabilmente di maggior attenzione di quella finora dedicata da chi ci governa. Un buon segnale che potrebbe arrivare da Zaia è, dunque, l’adoperarsi perché il disegno di legge regionale n. 370 del 31 luglio scorso venga portato in Consiglio quanto prima per la sua discussione e approvazione. Aspettare un’altra nevicata per gridare al lupo al lupo potrebbe essere troppo tardi…”

 

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Nuovo Commissario per la gestione post Vaia. Scarzanella: «Soragni figura di rilievo, ora un ragionamento condiviso con le imprese»

Ugo Soragni è il nuovo Commissario delegato per l'emergenza legata alla tempesta Vaia. Già direttore dei Musei del ministero dei Beni Culturali, raccoglie il...

Avvicendamento alla Lega giovani: Paolo Luciani lascia, entra Marco Donno

Belluno, 20.4.2021 - Cambio al vertice della Lega Giovani della Provincia di Belluno. Il coordinamento provinciale giovanile leghista si aggiorna dopo quattro anni per...

Ulss Dolomiti. Monoclonali: 23 dosi somministrate

Continua, in Ulss Dolomiti, la terapia contro il covid attraverso l’uso dei monoclonali. I risultati sono soddisfacenti. Ad oggi sono state somministrate dalla UOC...

Da lunedì tutti a scuola, didattica in presenza al 100%. Cna Bus Fita Veneto: i bus ci sono. Scopel: didattica al 75% con capienza...

Marghera, 20 aprile 2021. Sono 350 in Veneto le imprese che si occupano di trasporto di persone su gomma, iscritte nell'Albo Regionale, per un...
Share