13.9 C
Belluno
venerdì, Settembre 18, 2020
Home Cronaca/Politica Provincia di primo grado: pronto l'emendamento del senatore Piccoli, "Occorre reagire alla...

Provincia di primo grado: pronto l’emendamento del senatore Piccoli, “Occorre reagire alla nuova super-autonomia concessa al Trentino – Alto Adige”

Giovanni Piccoli, senatore Forza Italia
Giovanni Piccoli, senatore Forza Italia

“Con la fuga in avanti sull’autonomia fiscale al Trentino-Alto Adige, il Governo Letta ha sparigliato le carte in tavola, andando ancora una volta a introdurre nuove pesanti differenze tra le realtà dell’arco alpino che invece dovrebbero avere un regime il più omogeneo possibile. Per questo motivo ho redatto un emendamento perché la Provincia di Belluno ritorni almeno ente di primo grado. Di fronte alla provocazione dell’Esecutivo serve rivedere le nostre rivendicazioni”.

A dirlo è il senatore di Forza Italia Giovanni Piccoli, che sta elaborando in questi giorni un emendamento al disegno di legge Delrio sulle Province.

“Chi mi conosce sa che non ho mai fatto dell’ente Provincia un feticcio: ho badato sempre più alla sostanza che alla forma dei provvedimenti destinati alle autonomie locali. Stavolta però occorre adeguarsi a quanto il Governo sta facendo e predisporre una reazione forte e chiara: di fronte al riconoscimento di una nuova super-autonomia al Trentino-Alto Adige, il nostro territorio non può perdere la Provincia intesa come organo elettivo. Sarebbe deleterio perché profondamente ingiusto: è come se ai trentini riconoscessimo di passare dalla Porsche alla Limousine, mentre noi abbandoniamo la nostra sgangherata ma tutto sommato sicura station wagon per salire su un Ciao. Non possiamo acuire la distanza”.

“Diverso sarebbe stato il ragionamento se il Governo, in linea con quanto detto anche a Longarone dal premier Letta, si fosse preoccupato di portare avanti un disegno di riforma generale delle realtà dell’Arco Alpino, dando più autonomia ai territori ordinari e “limando” le differenze in nome di una reale perequazione tra territori”.

“L’autonomia fiscale al Trentino-Alto Adige significa dare ai nostri vicini la possibilità di fare proselitismo tra le nostre aziende perché, con le nuove norme, potranno permettersi il lusso di proporre meno tasse sugli insediamenti e sgravi vari. Non vorrei si ripetesse il copione di qualche tempo fa quando ci fu un mezzo caso diplomatico con l’Austria. Ma in quel caso ero uno Stato diverso per quanto appartenente alla stessa Unione europea”.

 

Piccoli annuncia altri emendamenti pro-Belluno, senza entrare nel merito: “Ci sto lavorando accanto a uomini del territorio e a dei legali. Arrivati a questo punto la miglior difesa è l’attacco, mi auguro che da parte dell’intero territorio – dalle amministrazioni locali alle categorie – ci sia una presa di consapevolezza della problematica e dei seri rischi che corre l’economia e i posti di lavoro”, conclude Piccoli.

Share
- Advertisment -




Popolari

Contributi regionali per 6 milioni e mezzo per la valorizzazione delle destinazioni turistiche i

Venezia, 18 settembre 2020   “Le conseguenze del lungo periodo di lockdown ci hanno imposto la necessità di un rilancio complessivo e immediato dell’economia veneta...

Le mostre di Oltre le vette: 4 esposizioni, a Belluno dal 2 all’11 ottobre

Le mostre sui temi della montagna sono da sempre uno dei punti di forza della rassegna bellunese, occasione per il pubblico di ammirare opere...

Ulss Dolomiti. Avviso del Centro per l’affido per un minore del Centro Cadore

Il Centro per l'Affido e la Solidarietà Familiare dell'ULSS 1 Dolomiti – Distretto di Belluno cerca per un minore che frequenta la scuola primaria...

Sorveglianza al lago Sorapis. Il bilancio dei carabinieri forestali delle Stazioni di Cortina e Auronzo

La stagione estiva che sta volgendo al termine è stata segnata dalla pandemia legata Covid-19 ma nonostante questo, l’afflusso registrato nelle Dolomiti bellunesi, ha...
Share