13.9 C
Belluno
lunedì, Settembre 21, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Gli esseri viventi. Martedì mattina sul greto del Piave a Codissago la...

Gli esseri viventi. Martedì mattina sul greto del Piave a Codissago la performance di Enrico Vezzi

Gianluca D'Incà Levis
Gianluca D’Incà Levis

In occasione della terza tappa de La Piave, workshop itinerante lungo il fiume Piave, a cura di Verdi Acque, ideato da Elisabetta Bianchessi, Alessandro Mason, Alessio Guarino, collocato all’interno del Master Paesaggi straordinari presso NABA – Nuova Accademia di Belle Arti di Milano, Dolomiti Contemporanee propone la performance Gli Esseri Viventi dell’artista Enrico Vezzi.

Il progetto è a cura di Gianluca D’Incà Levis, con l’assistenza di Michela Lupieri.

La performance “Gli esseri viventi” di Enrico Vezzi,  si svolgerà martedì 3 settembre sul greto del Fiume Piave dalle ore 9 alle 12, nel Comune di Codissago, che patrocina l’iniziativa, insieme al Museo degli Zattieri.

 

Essa coinvolgerà diverse persone, tra cui alcuni abitanti di Codissago e Casso, che leggeranno alcuni passi tratti da testi che a vario titolo trattano dell’acqua, indicati dall’artista.

Il progetto Gli esseri Viventi sarà poi sviluppato all’interno della mostra collettiva Upokeimenon, che verrà inaugurata il 21 settembre prossimo nel Nuovo Spazio di Casso.

La mostra, oltre alla collaborazione con NABA, si sviluppa anche attraverso una collaborazione con Trieste Next.

 

Erico Vezzi:

A chi pensiamo quando parliamo di esseri viventi?

Gli esseri viventi siamo noi, sono gli animali, sono le piante e tutte le forme di vita di questa Terra.

Gli esseri viventi hanno bisogno per sopravvivere delle sostanze vitali, della luce, del cibo, dell’aria e dell’acqua.

Alcune volte le sostanze le assorbiamo consapevolmente ed altre le assorbe il nostro corpo per noi.

Alcune volte il nostro corpo fisico si isola dal mondo esteriore rifugiandosi nel nostro mondo interiore.

Succede in molti casi e facilmente ci accade quando leggiamo un libro, il nostro corpo rimane là e la nostra mente inizia a viaggiare nello Spazio e nel Tempo.

Tanti lettori quanti i libri scelti. Ogni lettore se ne sta seduto a leggere il suo libro fino a quando non viene avvicinato da delle persone. Il lettore le guarda negli occhi e legge il suo passo con trasporto ma senza particolare enfasi. Finito di leggere, chiude il libro, saluta con lo sguardo, posa il libro sulla seduta e se ne va. Lasciando la posizione a disposizione del prossimo spontaneo lettore.

Grazie a Barbara Taboni, Gloria Costantini, Pier Paolo De Bona, Marcello Mazzucco, Rino Zoldan che daranno vita alla performance partecipandovi nella veste di lettori, e alla Libreria Tarantola che ha messo a disposizione i libri.

Enti promotori: Comune di Erto e Casso, Comune di Castellavazzo, Museo degli Zattieri, Provincia di Pordenone, Fondazione Dolomiti Unesco.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share
- Advertisment -



Popolari

Verona, elezioni suppletive al Senato. Trionfo di De Carlo che ricorda Bertacco: “Il centrodestra unito è inarrestabile; questo esecutivo non risponde più alla nazione”

Luca De Carlo è stato eletto senatore. E' il primo nella storia a ricoprire il ruolo di deputato e senatore nel corso della stessa...

Accesso ai servizi Inps. Collaborazione con la Provincia, Comuni e Unioni montane

E' stata presentata questa mattina a Palazzo Piloni, sede della Provincia, l'accordo di collaborazione tra Inps, Amministrazioni comunali locali del territorio e Unioni montane....

Vince il sì, vince il popolo sovrano. Il futuro Parlamento avrà 600 membri, 345 in meno dell’attuale

I dati non sono ancora noti, ma le proiezioni non lasciano dubbi. Davvero qualcuno poteva credere che il popolo sovrano si precipitasse in massa...

Regionali Veneto 2020: di quanto Zaia supererà se stesso?

Questa sera, lunedì 21 settembre, sapremo di quanto Zaia ha superato sé stesso accingendosi per la terza volta a fare il presidente di Regione....
Share