13.9 C
Belluno
domenica, Gennaio 24, 2021
Home Cronaca/Politica Intimidazioni alla Fattoria didattica Le Piccole Canaglie di Vallesella. Domenica festa con...

Intimidazioni alla Fattoria didattica Le Piccole Canaglie di Vallesella. Domenica festa con rinfresco, invitati anche gli amici a 4 zampe

cane border collieValentina Pizzato, titolare della Fattoria Piccole Canaglie a Vallesella di Cadore, ha inaugurato poche settimane fa uno spazio tutto dedicato agli animali da compagnia.

Ma già da prima dell’inaugurazione le minacce e le intimidazioni per bloccare questa nuova attività si sono susseguite creando non pochi disagi a Valentina che, con molte difficoltà ma altrettanto entusiasmo, ha avvitato questo esercizio unico in Cadore. Appena aperta la Fattoria ha già avuto le sue prime soddisfazioni con una richiesta in costante aumento e molta gente entusiasta che ritiene sia fondamentale questo servizio per la comunità, in primis lo stesso sindaco di Domegge, Lino Paolo Fedon.

Il tutto è iniziato con il furto dei cartelli di divieto d’accesso messi per permettere lo svolgere dei lavori necessari di ristrutturazione dei locali dismessi da oltre 20 anni. La sottrazione dei cartelli ha comportato una denuncia da parte di Valentina ed inoltre c’è stato chi si è lamentato dei rumori molesti da parte degli ospiti canini. “Poi il giorno di ferragosto qualcuno ha mandato i carabinieri perché i cani erano tenuti in gabbie ritenute non idonee quando in realtà gli animali vengono ospitati in box più che idonei” spiega Valentina “e pochi giorni dopo si sono lamentati perché gli animali erano liberi nel terreno adibito all’attività. Sono arrivate inoltre minacce di denuncia per sapere se c’erano le autorizzazioni necessarie per svolgere le attività.” Tutte queste mosse contro la Fattoria Piccole Canaglie non hanno scalfito Valentina che continua a lottare per tenere aperto e attivo il suo progetto.

La Fattoria Piccole Canaglie non è solamente luogo per animali ma, prendendo in affitto per sei anni i capannoni dell’ex tiro a segno del Comune di Domegge, Valentina ha progettando una struttura completa. L’attività ha scopi principalmente didattici, mirati al contatto con gli animali che permettere ai bambini, disabili, anziani, ma anche adulti di ritrovare il piacere del contatto con gli animali, da quelli da compagnia come cani, gatti, coniglietti, a quelli da cortile come asini, galline e caprette. Oltre all’attività di fattoria, il luogo è organizzato per essere anche una pensione per cani, con 4 box, per gatti e per piccoli animali da compagnia e varie attività legate alla cinofilia: lezioni di educazione, classi di socializzazione per cuccioli e per cani adulti, mobility dog, passeggiate a 6 zampe e inoltre organizza diversi incontri a tema. Inoltre quando riprenderanno le scuole Valentina già pensa di invitare i ragazzi per visite guidate. Da notare poi che nel solo comune di Domegge ci sono 350 cani registrati ufficialmente e l’ex poligono potrebbe diventare un riferimento per loro in caso di bisogno o più semplicemente durante le vacanze dei proprietari.

Domenica 1 Settembre alle ore 16:00 ci sarà una festa alla Fattoria (Loc. Val Beggia, ex Poligono), con rinfresco gratuito, a cui è invitata la popolazione, con i propri amici a 4 zampe, per ribadire la volontà di portare avanti questo progetto.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Incidente all’ambulanza del Suem

Ponte nelle Alpi, 24 gennaio 2021 - Alle 9:30 di questa mattina i vigili del fuoco sono intervenuti lungo la SS 51 in via...

Ricognizione sul territorio. Padrin: «Il problema maggiore riguarda le risorse; le nevicate hanno esaurito i budget dei Comuni montani»

Dopo l'ultimo episodio di maltempo, la Provincia ha voluto capire quale fosse la situazione sul territorio. Soprattutto in montagna, dove sono caduti dai 30...

Una task force di medici e amici del Rotary per sconfiggere il Covid-19

Sono oltre un centinaio i soci del Rotary del Triveneto, medici e non solo, che hanno aderito ad End Covid Now, offrendo la propria...

Covid, “zona Sudtirol”. Bond (FI): «Bolzano ancora una volta fa quello che vuole. Assurdo, soprattutto per i territori contermini»

«Il governo sa che oltre a rossa, arancione e gialla esiste anche la "zona Sudtirol"? E lo sa che a Bolzano fanno quello che...
Share