13.9 C
Belluno
sabato, Giugno 25, 2022
Home Cronaca/Politica La grande scommessa dell'Automobile Club Belluno: un piano di rientro trentennale ed...

La grande scommessa dell’Automobile Club Belluno: un piano di rientro trentennale ed una società di servizi per aggredire il mercato. Bottacin: “Se la società non fosse in attivo verrebbe immediatamente chiusa”. Ansaldi: “L’Automobile Club Belluno ce la può fare”

consiglio direttivo aci blC’era il consiglio direttivo al completo oggi pomeriggio nella storica sede di Palazzo Cappellari Della Colomba in piazza dei Martiri, presieduto da Gianpaolo Bottacin con il direttore ad interim Ansaldi, per illustrare le linee direttive dell’Automobile Club di Belluno. Che oggi si trova ad affrontare quello che probabilmente appare come la più grande sfida cui è chiamato, ossia risanare il bilancio in sofferenza per 1 milione e 91mila 953 euro di debiti, di cui 847.800 nei confronti di Aci Italia.

Per vincere questa grande scommessa, il presidente Gianpaolo Bottacin, ex presidente della Provincia e oggi manager di una multinazionale a Reggio Emilia, ha pronto un piano di rientro trentennale che si sviluppa essenzialmente su due direttrici.

Una “interna” che prevede l’erogazione di maggiori servizi all’utenza attraverso il personale di ruolo (due impiegati e un direttore), ad esempio con il potenziamento delle visite mediche per patenti e il servizio di assistenza bollo in convenzione con la Regione Veneto. All’esterno, invece, attraverso la costituzione di una società di servizi che “aggredisca” il mercato dell’auto sviluppando l’attività associativa dell’Automobile Club Belluno. Dall’analisi dei dati, infatti, risulta che il numero dei Soci Aci che nel 2012 era di 3.680 è stata mantenuta in leggera crescita solo grazie all’apporto delle tessere Aci Sara, che costituiscono il 59,51% del totale. Mentre, se si osserva il grafico considerando solo l’attività associativa dell’Automobile Club Belluno è evidente una flessione dei soci Aci che da 2.208 del 2007 scendono a 1.602 del 2012.

C’è spazio, insomma, secondo l’analisi dei dati esaminati dal consiglio direttivo, per un corposo rilancio del settore. Ma per attuarlo, bisogna disporre di un’architettura del personale più snella, con apertura del sabato, ed i pomeriggi. E dunque – sempre secondo il progetto condiviso all’unanimità dal consiglio direttivo –  attraverso una società partecipata Aci Belluno. Anche perché la normativa attuale – ha sottolineato il vicepresidente De Gan – non consente nuove assunzioni. Anche la sede storica del centro, secondo il consigliere Miari Fulcis, dovrà essere abbandonata, perché non è accessibile ai disabili e perché troppo onerosa.

L’aspetto sportivo è stato trattato dai consiglieri Mastellotto e Pongiluppi, che si sono soffermati sull’argenteria di famiglia dell’Automobile Club, ovvero la Coppa d’Oro delle Dolomiti, marchio prestigioso che oggi vale 140mila euro l’anno, grazie al quale è stato allontanato il fantasma del commissariamento dell’ente, che insegue quelle amministrazioni che presentano bilanci economico-patrimoniale in passivo consecutivi.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Tutto quello che c’è da sapere sul Nevegal * di Jacopo Massaro

"Circa 20 giorni fa abbiamo ufficialmente portato a casa 300.000 euro da parte della Regione per lo sviluppo del Nevegal". Ne dà notizia Jacopo Massaro...

La Leggenda di Bassano, prima tappa

Dopo il ritrovo per le verifiche in Villa Ca’ Cornaro di questa mattina e un veloce brunch ad anticipare il saluto del presidente del...

Il sindaco di Belluno De Pellegrin ha consegnato copia della Costituzione ai neo diciottenni alla Sagra del Campanot

Ieri sera, giovedì 23 giugno, il sindaco Oscar De Pellegrin ha accolto l'invito della Pro Loco Pieve Castionese, impegnata nella sagra del Campanot. Come da...

Detenzione e spaccio di stupefacenti. Un ventenne agli arresti domiciliari

La sera di mercoledì 22 giugno, la Squadra Mobile e le Volanti della Questura di Belluno hanno arrestato un giovane per detenzione di stupefacenti...
Share