13.9 C
Belluno
venerdì, Gennaio 15, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Appalti pubblici con ribassi del 38%. Un assurdo, secondo l'imprenditoria bellunese delle...

Appalti pubblici con ribassi del 38%. Un assurdo, secondo l’imprenditoria bellunese delle costruzioni

confindustria belluno dolomiti“Continuiamo a farci del male!” Questo il commento dei presidenti Limana, Tramontin e Grisot delle categorie edilizia di Confindustria Belluno Dolomiti, Confartigianato Belluno ed APPIA CNA , in relazione all’appalto di manutenzione straordinaria delle case popolari di Cavarzano che l’ATER ha aggiudicato ad una ditta di Forlì con un ribasso del 38% sulla base d’asta.

“Cosa pensano di aver ottenuto con questo appalto? – interviene Domenico Limana, presidente di ANCE BELLUNO – Sezione Costruttori Edili di Confindustria Belluno Dolomiti – Un risparmio di 160.000 euro sull’importo a base d’asta di 427.000 euro? Ce lo auguriamo, ma l’esperienza, qualora non bastasse la semplice ragionevolezza ci lascia grossi dubbi; mi auguro che questo appalto non finisca per ripresentare quei problemi che troppo spesso si sono verificati in passato: abbandono dei lavori, ritardi nella consegna piuttosto che fallimenti o “buchi” a carico di fornitori. Per non parlare del rischio di cessione in subappalto ad imprese che dovranno a loro volta trovare occasione di risparmi. Come può pensare l’ATER che il lavoro possa essere eseguito a regola d’arte, e che non necessiteranno manutenzioni e riparazioni impreviste e costose, con questi prezzi?.”

“Giusto ad un mese dall’assemblea programmatica delle costruzioni, continua Paolo Tramontin – presidente provinciale della categoria edilizia di Confartigianato Belluno, durante la quale le associazioni imprenditoriali del settore hanno ricordato alla Regione e agli enti pubblici l’importanza di gestire con attenzione i pochi appalti rimasti, ci troviamo di fronte ad una gara di questo tipo: Bando aperto, quasi 40 imprese partecipanti, provenienti da tutta Italia, con solo 3 concorrenti Bellunesi, aggiudicato con il criterio del massimo ribasso ad un costo che si pone al di sotto di oltre 15 punti dalla “soglia di anomalia”.

“Siamo alle solite! – tuona Gabriele Grisot, presidente Unione Costruzioni Appia CNA. Nessuna procedura negoziata, ma gara al massimo ribasso. Non c’è da stupirsi se poi sono solo 3 le aziende Bellunesi a partecipare su 40 totali. L’esperienza degli ultimi anni ci ha tristemente insegnato che non c’è gara con chi propone ribassi di questa natura… Per cui sono due le cose: o rassegnarsi o cercare di sensibilizzare istituzioni, enti e tutti gli altri attori del settore con lo scopo di sostenere la territorialità del lavoro. Ed è questa seconda ipotesi che le organizzazioni imprenditoriali bellunesi hanno deciso responsabilmente di scegliere auspicando che analogo atteggiamento sia fatto proprio dai soggetti appaltatori.”

Il timore che evidenziano gli imprenditori è che fra un paio d’anni, fatti i conti, non torni alcun vantaggio per l’ente appaltante e per la comunità locale, e che si sia persa una buona occasione di lavoro per le imprese della provincia.

“Certo le regole sono state rispettate, ma non il buon senso? – continua il presidente Tramontin. Gli strumenti per redigere bandi che tengano conto e valorizzino le realtà imprenditoriali locali ci sono e ben li utilizzano i nostri vicini di Trentino Alto Adige e Friuli: e’ proprio di questi giorni la notizia che la Provincia di Trento sta pubblicando un regolamento per affidare con procedura negoziata e senza bando lavori fino a due milioni di euro”

Concordi anche Limana e Grisot: “Avremmo auspicato maggiore sensibilità dall’Ater rispetto alle imprese del territorio: perché non si è proceduto ad una trattativa negoziata con le aziende locali, pur nel rispetto della trasparenza, concorrenza e rotazione , come è previsto per gli appalti di questo importo??”

A questo punto le imprese edili bellunesi si augurano che i lavori procedano per il meglio e soprattutto nel rispetto di tutte le regole: dal divieto di subappalto oltre le soglie previste , all’utilizzo di materiali certificati, dall’impiego di manodopera correttamente inquadrata e regolarmente formata, al rispetto dei tempi e dei costi previsti dal progetto.

“Noi vigileremo in questo senso – assicurano gli imprenditori – altrettanto speriamo facciano gli enti preposti al controllo, mentre ci auguriamo che la direzione lavori dell’Ater richieda il rispetto del capitolato e non conceda varianti o revisione dei prezzi rispetto a quanto previsto nel progetto.

 

Domenico Limana – presidente della Sezione Costruttori Edili di Confindustria Belluno Dolomiti-ANCE BELLUNO

Paolo Tramontin – presidente provinciale della categoria edilizia di Confartigianato Belluno

Gabriele Grisot – presidente Unione Costruzioni Appia CNA

Share
- Advertisment -

Popolari

Acc, D’Incà: “Passi in avanti nell’interlocuzione europea”

"In queste settimane il Governo ha lavorato con estrema attenzione per il futuro dell'Acc: è in corso una forte interlocuzione europea in seguito alla...

Droga. Denunciato un 25enne a Feltre

Feltre, 15 gennaio 2021 - Un 25enne di Feltre è stato denunciato in stato di libertà per detenzione di sostanze stupefacenti. Il provvedimento è...

Somministrazione di bevande al banco. Sanzionato il Mary’s Bar di Sedico

Sedico, 15 gennaio 2020 - Nel primo pomeriggio di ieri, nel corso delle operazioni di controllo in collaborazione con la polizia locale, i carabinieri...

Malga Misurina, quale futuro? Lettera aperta della Cia Agricoltori al sindaco

Ill.mo Sig. Sindaco dott.ssa. Tatiana Pais Becher, Le scriviamo la presente in merito alle modalità con cui sono stati gestiti i rapporti e la riassegnazione del...
Share