13.9 C
Belluno
giovedì, Gennaio 21, 2021
Home Cronaca/Politica Fondo Brancher. Il senatore Piccoli interroga il governo sull'atteggiamento di Durnwalder: "Letta...

Fondo Brancher. Il senatore Piccoli interroga il governo sull’atteggiamento di Durnwalder: “Letta e i ministri competenti prendano posizione”

Giovanni Piccoli, senatore Pdl
Giovanni Piccoli, senatore Pdl

In pressing sul Governo per sciogliere il nodo dei fondi Brancher e bacchettare, se necessario, il governatore altoatesino Luis Durnwalder.

Su questo punto, il senatore del Pdl Giovanni Piccoli, accanto ai colleghi Zanettin e Pagnoncelli, depositerà nelle prossime ore una interrogazione a risposta scritta al Presidente del Consiglio dei Ministri Letta e ai Ministri per lo sviluppo economico, dell’Economia e delle Finanze, degli Affari regionali e delle Infrastrutture e dei trasporti.

Nell’interrogazione Piccoli ripercorre la storia del fondo e delle sue finalità. “Con la legge finanziaria del 2010”, ricorda il rappresentante del Pdl, “si era stabilito che le province autonome di Trento e di Bolzano concorressero al  finanziamento  di  progetti,  di  durata  anche  pluriennale,  per  la valorizzazione,  lo  sviluppo  economico  e  sociale,  l’integrazione  e la coesione  dei  territori dei comuni appartenenti alle province di regioni a

statuto ordinario confinanti con le province autonome. Per farlo si era stabilito che a decorrere  dall’anno 2010 ciascuna delle province autonome di Trento e Bolzano fosse  tenuta  ad assicurare la rispettiva somma di 40 milioni di euro

per  i  progetti  presentati  dai comuni confinanti e appartenenti ad altre regioni a statuto ordinario”.

Nell’interrogazione Piccoli ricorda poi l’istituzione dell’Odi e il percorso decisionale che ha portato alla stesura definitiva delle graduatorie riferite ai bandi 2011 e 2012 con ben 86

progetti ammessi al finanziamento.

“Peccato che i finanziamenti dell’Alto Adige non siano mai arrivati e le recenti dichiarazioni di stampa del governatore Durnwalder lascino poco spazio alla speranza di tanti amministratori e cittadini”, afferma Piccoli.

Da qui l’interrogazione al Governo per sapere se intende prendere una posizione in merito, ma soprattutto se non sia il caso di attivarsi per sollecitare la Provincia autonoma di Bolzano a erogare il dovuto.

Non manca nemmeno una domanda di natura generale: “Chiediamo se  il  Governo  non  ritenga opportuno intervenire per garantire pari  dignità,  pari  opportunità  e  pari  trattamento  ai  territori che costituiscono il nostro Paese. Il problema”, conclude Piccoli, “continua a stare a monte, ovvero in quelle disparità di trattamento ormai sempre più evidenti”.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

La Polizia postale ha una nuova sede nello storico palazzo delle Poste centrali di Belluno

La Polizia Postale e delle Comunicazioni ha la sua nuova sede al secondo piano del palazzo delle Poste centrali di Belluno in piazza Castello...

Ulss Dolomiti: bando per l’assunzione di anestesisti e rianimatori

Per sopperire alla carenza di medici anestesisti e rianimatori in Ulss Dolomiti, il 9 dicembre 2020 sono state avviate le procedure per l’assunzione di...

Convenzioni per interventi sul territorio tra Comune di Belluno, Cai e Usi civici

Convenzione tra il Comune di Belluno, il Club Alpino Italiano e il comitato per l’Amministrazione separata dei Beni di Uso Civico delle Frazioni di...

De Cassan (Federalberghi Belluno): «Appoggio a tutte le iniziative responsabili e civili perché la montagna riceva la giusta attenzione»

«Tutte le iniziative organizzate nel solco della legittimità e di un dialogo civile vanno nella direzione di supportare quanto l'Associazione sta svolgendo in via...
Share