13.9 C
Belluno
martedì, Gennaio 19, 2021
Home Meteo, natura, ambiente, animali Sicurezza in montagna: firmato a Padova il protocollo operativo tra ARPAV e...

Sicurezza in montagna: firmato a Padova il protocollo operativo tra ARPAV e Corpo forestale dello Stato

carlo emanuele pepe Arpav daniele zovi Corpo forestalePadova, luglio 2013. Firmato a Padova presso la sede della Regione Veneto – Agenzia Regionale per la protezione dell’Ambiente il protocollo operativo tra ARPAV- Centro Valanghe di Arabba e Corpo forestale dello Stato – Servizio Meteomont per incrementare la sicurezza in montagna, intensificare il monitoraggio meteorologico, della neve e delle valanghe ai fini di protezione civile, rafforzare il sistema di informazione su di una area del territorio, come quello dolomitico e delle prealpi venete, ad alta frequentazione turistica sia d’inverno che di estate.

Firmatari dell’accordo il Direttore Generale dell’ARPAV Dott. Carlo Emanuele Pepe ed il Comandante Regionale del CFS Dott. Daniele Zovi, presenti inoltre il Direttore del Centro di Arabba Dott. Alberto Luchetta ed il Capo del Servizio Meteomont del Corpo forestale dello Stato Dott. Vincenzo Romeo, che hanno contribuito alla stesura del documento. In materia di neve e valanghe in Italia è il primo accordo tecnico-operativo tra amministrazioni dello Stato e delle Regioni che persegue gli obiettivi di interesse nazionale ed internazionale di fare sistema per incrementare i servizi e nel contempo diminuire i costi, razionalizzando risorse umane, strumentali e finanziarie senza diminuire il livello di qualità dei servizi dedicati alla protezione civile ed alla pubblica incolumità, ma anzi, aumentando l’efficienza della rete di osservazione, monitoraggio ed allertamento.

L’accordo prevede la collaborazione su di una serie di attività che consentirà di condividere i dati e le informazioni provenienti dal territorio a supporto del sistema informativo e di protezione civile regionale e statale secondo gli standard nazionali ed internazionali, ma anche a favore di una corretta, sicura ed informata frequentazione delle aree montane. Perno fondamentale di tale collaborazione la competenza tecnico-scientifica maturata dal Centro Valanghe di Arabba ed il personale forestale presente capillarmente nelle aree più montane ed interne del territorio, che rappresenta un punto privilegiato di osservazione, rilevazione e conoscenza locale del territorio, dei fenomeni naturali e delle condizioni meteonivologiche in esso presenti, mutevoli in continuazione nel tempo e nello spazio, risorsa umana questa fondamentale e dalla quale non si può prescindere per garantire una corretta e continua valutazione e previsione dei rischi naturali in ambiente montano.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Ancora bloccato l’appalto della galleria Pala Rossa tra Primiero e il Feltrino

La Comunità di Primiero e i Comuni del territorio scrivono alla Regione Veneto, alla Provincia di Trento, alla Provincia di Belluno e agli Enti...

Campi fotovoltaici sulle discariche dismesse. L’idea green di Legambiente favorita anche dal Recovery Fund

Cosa si potrebbe fare sulle superfici, teoricamente inutilizzabili, delle discariche sature, come ad esempio quella di Belluno in località Cordele, in via del Boscon,...

Vaccino anti covid. Settimana riservata alle seconde dosi

La Pfizer ha comunicato che, per il potenziamento della produzione di vaccini anti covid, lo stabilimento di Puurs in Belgio non riesce a consegnare...

Covid. Il direttore generale Ulss scrive alla Provincia. Padrin: «Intravvediamo la luce in fondo al tunnel. Ma vietato abbassare la guardia»

Belluno, 18 gennaio 2021 - Questa mattina il presidente della Provincia, Roberto Padrin, ha ricevuto una lettera dal direttore generale dell'Ulss 1 Dolomiti Adriano...
Share