13.9 C
Belluno
domenica, Gennaio 17, 2021
Home Cronaca/Politica Fondo Odi, detto Fondo Brancher. L'onorevole Federico D'Incà presenta un'interrogazione sottoscritta da...

Fondo Odi, detto Fondo Brancher. L’onorevole Federico D’Incà presenta un’interrogazione sottoscritta da altri 70 deputati: “E’ una questione di giustizia sociale”!

Federico D'Incà
Federico D’Incà

Il 10 luglio 2013 Federico D’Incà, parlamentare del MoVimento Cinque Stelle, ha portato all’attenzione del Ministro dell’Economia e Finanze, On. Fabrizio Saccomanni, una questione che da troppo tempo è ferma: il Fondo ODI, comunemente chiamato Fondo Brancher.

La storia di questo fondo inizia con la legge finanziaria n.191 del 23 dicembre 2009 quando viene istituito l’ODI, ovvero quell’organismo che ha il compito di gestire un fondo di 80 milioni di euro che annualmente dovrebbe essere erogato per finanziare progetti a favore di quei territori che confinano con le province autonome di Bolzano e Trento. Tale fondo è costituito da un accordo fra il Ministero dell’Economia e Finanze e le stesse province autonome che devono versare 40 milioni a testa. Gli interessati al Fondo ODI, ovvero tutti quei comuni che confinano con Bolzano e Trento appartenenti alle province di Belluno, Vicenza, Verona, Brescia e Sondrio, hanno già presentato i loro progetti, singolarmente o in forma associata, e l’ODI ha già stilato la graduatoria del 2010/2011. Un’iniziativa che darebbe molte risorse utili per rilanciare anche turisticamente questi territori, ma che attualmente vede questo fondo ancora fermo. Motivo di questo blocco è la provincia di Bolzano che non intende dare la sua parte di finanziamento perché vorrebbe che della sua quota ne beneficiassero solo i sei comuni confinanti con essa e non tutti gli aventi diritto, come stipulato dall’accordo. A questo proposito la provincia di Bolzano aveva presentato ricorso per un presunto conflitto di competenze fra Stato e Provincia ma, dopo essere stato rigettato dalla Corte Costituzionale, il tutto si è risolto con un nulla di fatto ed il fondo non è ancora stato sbloccato per la mancanza della quota altoatesina.

Il Movimento Cinque Stelle ha dato forte sostegno al neo deputato Federico D’Incà e ben 70 dei suoi colleghi parlamentari hanno sottoscritto l’interrogazione rivolta al ministro dell’Economia e Finanze. “Non è solo una questione legale” afferma D’Incà “questa è soprattutto una questione di giustizia sociale. Il sostegno da parte di 70 deputati del M5S sta a dimostrare che il problema è di primaria importanza per tutti i territori che aspettano di beneficiare del fondo ODI. Non si può pensare di tenere ferma una situazione così delicata che può influenzare lo sviluppo di tanti comuni che ne hanno fatto richiesta”.

Per cercare di sbloccare la controversia D’Incà non si è rivolto soltanto al Ministro di competenza, ma ha interpellato anche Luis Durnwalder, Presidente della Giunta della Provincia Autonoma di Bolzano. Con lettera del 10 luglio 2013 il deputato del MoVimento Cinque Stelle ha chiesto al presidente della provincia di intervenire affinché la situazione possa progredire e finalmente i fondi vengano elargiti a favore dei progetti già da tempo preventivati.

Molti comuni bellunesi attendono con speranza questi fondi, che possono rappresentare un vero rilancio turistico ed economico del nostro territorio.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Petizione al sindaco di Belluno: no alla strada a scorrimento veloce vicino a scuole e case

"Oggi abbiamo consegnato al Sindaco della nostra città 552 firme di cittadini che chiedono all’Amministrazione Comunale di lasciar decadere una volta per tutte il...

Vertice Provincia-Enel. Padrin: «Abbiamo parlato di fasce di rispetto, presidi territoriali e investimenti futuri. Grazie al ministro D’Incà per aver fatto da tramite»

A seguito dell'incontro a Roma di metà dicembre, la Provincia di Belluno ha tenuto venerdì scorso in videoconferenza una riunione con i vertici di...

Calalzo di Cadore, piano di sviluppo per l’area di Lagole. De Carlo: “Reperire risorse per la gestione e un concorso di idee per sostenere...

Il Comune di Calalzo di Cadore punta ancora forte sull'area di Lagole: "Stiamo lavorando a un progetto che ne migliori la fruibilità e ci...

Video del Soccorso alpino e Cai: “Scegliete un’altra montagna, meno rischiosa ma non meno coinvolgente”

Milano, 16 gennaio 2020  "Scegliete un'altra montagna: meno rischiosa, ma non meno coinvolgente". Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico e il Club alpino italiano...
Share