13.9 C
Belluno
domenica, Gennaio 17, 2021
Home Cronaca/Politica Soccorso alpino: gli interventi di martedì

Soccorso alpino: gli interventi di martedì

soccorso alpinoBelluno, 09-07-13 Nel pomeriggio il 118 è stato allertato da due alpinisti inglesi, un ragazzo e una ragazza ventenni, che dicevano di essere incrodati sulla Eotvos-Dimai, parete sud della Tofana di Rozes, nel territorio di Cortina d’Ampezzo. L’elicottero del Suem di Pieve di Cadore è subito decollato, ma la ricognizione ha avuto esito negativo. Atterrato al rifugio Dibona, l’equipaggio ha ricontattato i due facendosi dare una descrizione della via intrapresa e alcuni punti di riferimento, che però non sembravano ricondurre a quella da loro indicata. I due rocciatori erano in realtà a due chilometri di distanza, a sinistra del Terzo spigolo.

Individuati a circa 2.800 metri di quota in una seconda perlustrazione, la ragazza, che si trovava su una cengia 40 metri più in alto rispetto al compagno, è stata recuperata per prima con un verricello di 20 metri. Per l’amico, fermo in un punto inavvicinabile per l’eliambulanza, l’intervento è stato più complesso. L’elicottero ha infatti sbarcato nelle vicinanze il tecnico del Soccorso alpino di turno con l’equipaggio, che ha raggiunto il giovane e lo ha assicurato e aiutato a salire in un terrazzino roccioso accessibile.

Nel frattempo l’elicottero si è spostato nella zona delle Cinque Torri per un secondo allarme e, dopo aver imbarcato un altro tecnico del Soccorso alpino, è volato sulla Grande, lungo la direttissima Dimai, dove due alpinisti tedeschi di 22 e 24 anni, nel calarsi con le doppie avevano avuto grossi problemi e non erano più in grado di muoversi dalla loro posizione. Recuperati con un verricello di 20 metri, i due sono stati quindi trasportati al rifugio Cinque Torri. Subito dopo l’eliambulanza è ripartita per la Tofana e in hovering ha imbarcato soccorritore e rocciatore.

Infine, a Sappada una coppia fiorentina, arrivata per la ovest in vetta al Peralba, non sapeva più come proseguire, preoccupata anche dall’imminenza di un temporale. I due hanno chiamato la finanza di Tolmezzo, che ha allertato i colleghi bellunesi e il Soccorso alpino di Sappada. Date indicazioni alla coppia sull’itinerario da intraprendere per la discesa lungo la normale, Soccorso alpino e finanzieri si sono diretti verso la montagna. Fortunatamente la coppia è rientrata da sola raggiungendo il rifugio Calvi, gestito da un soccorritore di Sappada.

Share
- Advertisment -

Popolari

Petizione al sindaco di Belluno: no alla strada a scorrimento veloce vicino a scuole e case

"Oggi abbiamo consegnato al Sindaco della nostra città 552 firme di cittadini che chiedono all’Amministrazione Comunale di lasciar decadere una volta per tutte il...

Vertice Provincia-Enel. Padrin: «Abbiamo parlato di fasce di rispetto, presidi territoriali e investimenti futuri. Grazie al ministro D’Incà per aver fatto da tramite»

A seguito dell'incontro a Roma di metà dicembre, la Provincia di Belluno ha tenuto venerdì scorso in videoconferenza una riunione con i vertici di...

Calalzo di Cadore, piano di sviluppo per l’area di Lagole. De Carlo: “Reperire risorse per la gestione e un concorso di idee per sostenere...

Il Comune di Calalzo di Cadore punta ancora forte sull'area di Lagole: "Stiamo lavorando a un progetto che ne migliori la fruibilità e ci...

Video del Soccorso alpino e Cai: “Scegliete un’altra montagna, meno rischiosa ma non meno coinvolgente”

Milano, 16 gennaio 2020  "Scegliete un'altra montagna: meno rischiosa, ma non meno coinvolgente". Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico e il Club alpino italiano...
Share