13.9 C
Belluno
domenica, Gennaio 24, 2021
Home Lettere Opinioni Il grido di dolore dal Colle

Il grido di dolore dal Colle

Tempo di estate, tempo di turismo, zero attività in Nevegàl, poca cura del territorio del Colle!! Poche prospettive per l’inverno ( bisognerebbe già pubblicare ora le attività invernali, almeno in generale ). Naturalmente pochi turisti…ma come criticarli? Siamo nell’ennesima estate di “ tirare a campare”

Le problematiche che abbiamo riscontrato per prime sono le seguenti: bandiera villipesa al monumeto agli autieri, erba alta in tutto quasi il Nevegàl, erba alta nel campo da calcio di Pian Longhi (e cosi reso infruibile per i turisti) le rotaie del fun bob alle intemperie (…erano costate un sacco…)…oltre che le solite mancanza turistiche classiche…!!

Come sempre, Nevegàl Si però da la propria disponibilità a dare un’aiuto concreto e di idee, ma come a volte accade, i nostri buoni propositi cadono nel vuoto…!

Noi ci crediamo…collaboriamo tutti assieme, senza egoismi e personalismi…! Vogliamo lanciare qui un idea, che speriamo trovi ampio eco…perché non creare la pro loco Nevegàl? Noi ci stiamo attividando, ma da soli non si può…chi vuole darci una mano?

Come sempre in attesa di dare un’aiuto.

Ingrid, Daniele, Loris e Lorenzo

Share
- Advertisment -

Popolari

Incidente all’ambulanza del Suem

Ponte nelle Alpi, 24 gennaio 2021 - Alle 9:30 di questa mattina i vigili del fuoco sono intervenuti lungo la SS 51 in via...

Ricognizione sul territorio. Padrin: «Il problema maggiore riguarda le risorse; le nevicate hanno esaurito i budget dei Comuni montani»

Dopo l'ultimo episodio di maltempo, la Provincia ha voluto capire quale fosse la situazione sul territorio. Soprattutto in montagna, dove sono caduti dai 30...

Una task force di medici e amici del Rotary per sconfiggere il Covid-19

Sono oltre un centinaio i soci del Rotary del Triveneto, medici e non solo, che hanno aderito ad End Covid Now, offrendo la propria...

Covid, “zona Sudtirol”. Bond (FI): «Bolzano ancora una volta fa quello che vuole. Assurdo, soprattutto per i territori contermini»

«Il governo sa che oltre a rossa, arancione e gialla esiste anche la "zona Sudtirol"? E lo sa che a Bolzano fanno quello che...
Share