13.9 C
Belluno
martedì, Gennaio 19, 2021
Home Prima Pagina Cittadinanza e Partecipazione interviene sulla "questione Colotti"

Cittadinanza e Partecipazione interviene sulla “questione Colotti”

ITC "Colotti" Feltre
ITC “Colotti” Feltre

Sulla vicenda del Colotti è stata costruita nei giorni scorsi una speculazione politica giocata sull’emotività degli studenti del passato, più che sulle prospettive degli alunni del futuro, prospettive che richiedono quanto prima la costituzione di un “polo tecnico”, capace di proporre un’offerta formativa articolata e di frenare l’emorragia di iscrizioni che ha purtroppo colpito le scuole tecniche nell’ultimo decennio.

Lo afferma una nota del Gruppo consigliare di Feltre  Cittadinanza e partecipazione.

A chi nelle scorse settimane ha cominciato improvvisamente a occuparsi di scuola, sarà bene ricordare che dal 2008 al 2012 con il ministro Gelmini, quella dei neutrini, la scuola pubblica è stata oggetto di feroci tagli che ne hanno menomato la qualità e annichilito le strutture. I fondi per l’edilizia scolastica e la messa in sicurezza delle scuole praticamente sono spariti. Oggi, quando anche nel nostro territorio si raccolgono i frutti velenosi di tale politica scriteriata, ecco che molti si scoprono strenui difensori della scuola. Gli esponenti locali del Pdl, lo stesso partito della Gelmini, dopo aver messo da parte l’armamentario ideologico della “razionalizzazione” e degli “sprechi nella pubblica amministrazione”, ora piangono lacrime da coccodrillo sulla chiusura dell’edificio del Colotti.

L’affanno delle scuole feltrine viene da lontano: è figlio di politiche nazionali e locali che hanno umiliato l’istruzione e la scuola, percepite per troppo tempo come un costo e non come un investimento. Ora di fronte a tale disastro è paradossale che alzi la voce chi quelle politiche le ha volute e sostenute a tutti i livelli. Invocare l’attesa di un governo politico della provincia da parte di chi, di fatto, l’ha condotta al commissariamento per l’incapacità di amministrarla è davvero scorretto. Le forze politiche che governavano a livello nazionale e regionale, amministravano a livello provinciale e comunale (la famosa filiera) dopo aver lasciato il deserto, ne denunciano ora le conseguenze. Di fronte al problema della chiusura di un edificio scolastico a Feltre, sarebbe opportuno che venissero da parte di tutti proposte serie e realizzabili, evitando speculazioni politiche davvero inopportune.

Chi avanza proposte e soluzioni si assuma la responsabilità – conclude la nota di Cittadinanza e partecipazione – , ad esempio, di far studiare i nostri ragazzi in edifici sicuri, si carichi dell’onere di spiegare quale dovrà essere l’assetto dell’offerta formativa di tutto il territorio feltrino, magari prendendo come prospettiva principale il futuro dei giovani, non il numero delle dirigenze scolastiche da assegnare.

Share
- Advertisment -

Popolari

Ancora bloccato l’appalto della galleria Pala Rossa tra Primiero e il Feltrino

La Comunità di Primiero e i Comuni del territorio scrivono alla Regione Veneto, alla Provincia di Trento, alla Provincia di Belluno e agli Enti...

Campi fotovoltaici sulle discariche dismesse. L’idea green di Legambiente favorita anche dal Recovery Fund

Cosa si potrebbe fare sulle superfici, teoricamente inutilizzabili, delle discariche sature, come ad esempio quella di Belluno in località Cordele, in via del Boscon,...

Vaccino anti covid. Settimana riservata alle seconde dosi

La Pfizer ha comunicato che, per il potenziamento della produzione di vaccini anti covid, lo stabilimento di Puurs in Belgio non riesce a consegnare...

Covid. Il direttore generale Ulss scrive alla Provincia. Padrin: «Intravvediamo la luce in fondo al tunnel. Ma vietato abbassare la guardia»

Belluno, 18 gennaio 2021 - Questa mattina il presidente della Provincia, Roberto Padrin, ha ricevuto una lettera dal direttore generale dell'Ulss 1 Dolomiti Adriano...
Share