13.9 C
Belluno
martedì, Gennaio 19, 2021
Home Prima Pagina Alessandro Bertuola serve il tris alla Granfondo Bellunese Shockblaze, flagellata da pioggia...

Alessandro Bertuola serve il tris alla Granfondo Bellunese Shockblaze, flagellata da pioggia freddo e vento

Dopo i successi 2011 e 2012 il trevigiano fa sua anche l’edizione 2013. Un “abisso” tra il vincitore e gli inseguitori: oltre 9 minuti. Pioggia, freddo e vento hanno flagellato gli oltre 400 partenti. Tra le donne si impone Valentina Gallo mentre sul tracciato mediofondo vincono Francesco Avanzo e Valentina Mabritto.

gran fondo bellunese alessandro bertuolaBelluno, 19 maggio 2013 – Dopo i successi del 2011 e del 2012, Alessandro Bertuola serve il tris alla Granfondo Bellunese Shockblaze. Sotto la pioggia che, insieme basse temperature e vento, ha accompagnato i concorrenti dal primo all’ultimo metro dell’evento proposto dal Cycling Team, l’atleta trevigiano della Legend Michele Gobbi è stato l’autentico dominatore della manifestazione. Una manifestazione che, con partenza e arrivo nella centralissima Piazza Martiri di Belluno, proponeva due tracciati. Il percorso lungo, con partenza e arrivo nella suggestiva cornice di Piazza Martiri a Belluno, misurava 130,2 chilometri e proponeva un dislivello di 2655 metri. I momenti “clou” le ascese a Malga Cate (salita irregolare, con tratti al 15 per cento), località situata a 1077 metri di altitudine, tra gli abitati di Chies d’Alpago e Tambre, al Nevegal (1020 metri) e a Valpiana (Valmorel, 890 metri). Il tracciato, corto, anch’esso con partenza e arrivo in centro a Belluno, misurava invece 87 chilometri, con un dislivello complessivo di 1660 metri. In questo caso due le salite: Malga Cate e Nevegal.

Dopo essere rimasto con il gruppetto dei migliori (una ventina di unità) lungo la prima salita, quella che portava da Puos d’Alpago a Malga Cate, Bertuola ha cambiato marcia sulla seconda salita, quella del Nevegàl. A metà ascesa aveva un vantaggio di dieci secondi su un gruppo ristretto a una decina di corridori, mentre in cima al Colle bellunese il vantaggio aveva superato il minuto. La terza salita, quella di Valmorel, dopo 90 chilometri, è stata quella decisiva: Bertuola ampliava in maniera importante il distacco che via via aumentava fino a superare i 9 minuti all’approdo finale di Piazza Martiri. A giocarsi secondo e terzo gradino del podio lo sloveno Bonca Blaz (Spezzotto Bike Team) e il vicentino Enrico Zen (Team Beraldo), finiti nell’ordine. 5. posto per Daniele Gallo, l’ex professionista trevigiano che tra i dilettanti proprio a Belluno seppe vincere due Giri del Piave consecutivi negli anni ’80, e 6. posizione per l’austriaco di Innsbruck Stefan Kirchmair, vincitore delle ultime due edizioni della Oeztlaer Radmarathon. Tra le donne, il successo della Granfondo Bellunese Shockblaze è andato a Valentina Gallo (Ar-Team Armistizio) su Cristina Lambrugo (Gobbi Lgl).

Il tracciato mediofondo ha determinato il vincitore solamente nel finale. A giocarsi la vittoria negli ultimi chilometri sono stati in tre ma ad anticipare tutti nelle ultime centinaia di metri è stato Francesco Avanzo (Bergner Brau)che ha avuto la meglio su Andrea Pontalto (Sossano News Line), finito a 10 secondi, e su Federico Simioni (Spezzotto Bike Team) che ha chiuso a 11 secondi. Tra le donne, successo di Valentina Mabritto (Caam Corse) sull’austriaca Brigitte Krebs (Gf Carinzia) e su Chiara Ciampolillo (Lunardelli).

Tra le società, successo per il Pedale Feltrino.

In corsa, ma non in classifica, anche alcuni professionisti come Davide Malacarne (Team Europcar), Andrea Pasqualon (Bardiani Csf) e Alessandro De Marchi (Cannondale). «Un buon allenamento, nonostante la pioggia non abbia dato tregua neppure per un attimo – il commento di Malacarne – Il tracciato è veramente impegnativo e ben disegnato. Merita di essere riproposto».

«Siamo stati felici di aver messo a disposizione dell’evento la suggestiva cornice di Piazza dei Martiri e di aver dato il supporto logistico necessario – ha affermato il primo cittadino del capoluogo, Jacopo Massaro – Eventi come questo, che richiamano concorrenti da tutta Italia e anche dall’estero, sono un veicolo promozionale importante».

«Nonostante il maltempo abbia fatto desistere più di un concorrente, dei 620 iscritti ne sono partiti infatti 430, siamo soddisfatti di come è andata questa quarta edizione – commenta Daniele Gusmerini, coordinatore dell’organizzazione -. Abbiamo avuto iscritti da tutta Italia ma anche da Slovenia, Austria, Svizzera, Germania, Finlandia, Russia, Stati Uniti e Brasile e il livello tecnico è stato elevato. Ottima si è rivelata anche la scelta di avere il centro storico di Belluno come sede di partenza e arrivo: un valore aggiunto di non poco conto. E siamo stati felici di avere avuto due starter d’eccezione coma Marino Basso e Andrea Bartali. Grazie a Shockblaze, che ha messo a disposizione un montepremi ricchissimo (due telai in carbonio, una bicicletta da corsa in alluminio, tre mountain bike e 9 citybike ndr), e grazie a tutti i volontari, costretti davvero agli straordinari con questo meteo, e a tutti coloro, amministrazioni e realtà imprenditoriali, che ci hanno sostenuto».

Le classifiche sono disponibili all’indirizzo internet http://www.tds-live.com/ns/index.jsp?pageType=1&id=5149

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Premio Rodolfo Sonego, iscrizioni entro il 7 Febbraio 2021

Il Premio Rodolfo Sonego - il concorso per sceneggiature di cortometraggi creato da Lago Film Fest con la collaborazione di Scuola Holden (Torino) -...

Maltempo di inizio dicembre. Il Comune di Belluno segnala danni per 1,6 milioni

Ammonta a poco meno di 1,6 milioni di euro (per la precisione 1.583.800 euro) la conta dei danni segnalati dal Comune di Belluno alla...

Crisi di governo. Cosa dicono gli imprenditori del Nord-Est

Giornata campale per il Governo, alle prese con la richiesta di fiducia al Senato, e mondo economico preoccupato. La prospettiva, infatti, sembra consegnare una...

Belluno Alpina, obbiettivo 2021: cantierare la scuola della montagna a Ronce per tutte le Prealpi

Nuovo anno con nuove forze e vecchi obbiettivi per l'associazione Belluno Alpina: “Il 2021 deve portare l'associazione a un momento di riflessione di riorganizzazione...
Share