13.9 C
Belluno
sabato, Dicembre 3, 2022
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Venerdì a Belluno la presentazione del libro: Lavorare il legno a Belluno....

Venerdì a Belluno la presentazione del libro: Lavorare il legno a Belluno. Ambiente, tradizione, applicazioni, economia, arte e formazione

Venerdì 10 maggio ore 17,  al Centro Giovanni XXIII di Belluno si terrà la presentazione del libro di Michele Talo e Stefano Vietina,  “Lavorare il legno a Belluno. Ambiente, tradizione, applicazioni, economia, arte e formazione”, edito dal Centro Consorzi in occasione dei 30 anni di Scuola del Legno di Sedico.

Stefano Vietina
Stefano Vietina

Il legno, elemento essenziale allo sviluppo della civiltà (per produrre il fuoco, la clava, la ruota, le imbarcazioni, le palafitte), è ancora oggi prezioso ed insostituibile materiale per moltissime applicazioni, dall’umile cassetta da frutta al nobile strumento musicale. Ed è una delle poche materie prime rinnovabili. Lo ricorda Angelo Funes Nova, imprenditore insignito della laurea honoris causa in scienze forestali e ambientali all’Università di Padova, universalmente noto per la sua grande passione ed esperienza, nella presentazione del libro “Lavorare il legno a Belluno. Ambiente, tradizione, applicazioni, economia, arte e formazione” curato da Michele Talo e Stefano Vietina. Il volume, edito dal Centro Consorzi, in collaborazione con l’Unione Artigiani e Piccola industria e con la Camera di Commercio di Belluno (206 pagine a colori) verrà presentato venerdì 10 maggio alle ore 17,00 al Centro Giovanni XXIII. Interverranno, insieme allo stesso Angelo Funes Nova, Donato Pedron, Presidente della Categoria legno di Confartigianato Veneto, Paolo Saviane, Presidente del Consorzio legno Veneto, Gianni Secco, Demologo, ideatore e responsabile dell’Archivio della Tradizione Orale della Regione Veneto ATOV ed i due autori, Michele Talo, direttore del Centro Consorzi, e Stefano Vietina, giornalista e docente di Sociologia dei media all’Università di Padova.

Il libro è stato realizzato in occasione dei 30 anni di Scuola del Legno di Sedico e questa presentazione sarà l’occasione per un dibattito su un tema di scottante attualità: cosa ne facciamo del legno delle Dolomiti Bellunesi? Come valorizzare una risorsa fondamentale per la montagna? Come rilanciare la collaborazione fra tutti gli attori di questo comparto?

 

Share
- Advertisment -

Popolari

La Consulta e i vaccini * di Filiberto Dal Molin

Abbiamo avuto in questi giorni la ventura di sapere come si sono articolate le discussioni e le argomentazioni in tema di obbligo vaccinale anti...

Certificata la presenza della lontra europea in Comelico. De Bon: «Scoperta di grande rilievo. È una specie rara e un indicatore di eccellente qualità ambientale»

La lontra è tornata ad abitare il Bellunese. La scoperta è avvenuta attorno a metà novembre, grazie a una serie di ritrovamenti. L'animale, che...

Violenza sulle donne e lo scivolone della maggioranza * di Ilenia Bavasso

"Io so di non sapere". Ignoranza s. f. . – L’ignorare determinate cose, per non essersene mai occupato o per non averne avuto notizia: i....

Dalle grandi dimissioni all’abbandono silenzioso: le condizioni del lavoro nelle province di Belluno e Treviso

Ricerca della Cisl su un campione di 2.550 lavoratori e lavoratrici Un giovane su 6 ha cambiato lavoro nell'ultimo anno: 4.765 dimissioni volontarie nel primo...
Share