13.9 C
Belluno
martedì, Gennaio 19, 2021
Home Cronaca/Politica Rielezione di Napolitano. Carbogno: "Nessun inciucio. Quanto accaduto a Roma sia di...

Rielezione di Napolitano. Carbogno: “Nessun inciucio. Quanto accaduto a Roma sia di lezione per il rinnovo del territorio

michele carbognoQuanto accaduto nel fine settimana per l’elezione del presidente della Repubblica credo possa essere un’utile lezione non solo per il Pd e la sinistra, ma anche per il centrodestra il quale peraltro ha evidenziato a livello nazionale una compattezza attorno alla leadership di Berlusconi su cui non in tanti credevano.

La rielezione di Napolitano, un presidente che ha dimostrato la sua terzietà in più occasioni, non deve essere vista come inciucio, anzi, può essere il giusto impulso per dare il via a una serie di riforme che il paese attende da molto, troppo tempo; riforme che, paradossalmente, possono oggi essere agevolate proprio dal fatto che manchi una maggioranza politica ben definita e pertanto che le varie ideologie trovino una sintesi più ampia.

L’alternativa non può invece essere il grillismo, che è e sarà ancora utile per dare uno scossone al sistema, ma che vivendo di sola protesta non sa essere proposta.. a riprova di ciò sarei stato curioso di intervistare solo un mesetto fa i tanti talebanstellini sabato in piazza col cartello “Rodotà presidente di tutti” e chiedere loro: chi è Rodotà? Temo che la risposta sarebbe stata simile a quella che una deputata M5S diede nei giorni scorsi in tv a proposito di Draghi e Bce: boh??

Ma quel che potrà accadere a Roma non deve comunque farci attendere; ormai è necessario capire, anche a livello locale, che un vecchio modo di fare politica è finito. Il mondo si rinnova alla velocità della luce, la politica non può comportarsi come se ancora ci si spostasse a cavallo.

Se vogliamo risollevare dall’emarginazione e dall’abbandono la nostra provincia, c’è necessità di fare squadra innanzitutto all’interno dei singoli schieramenti e poi anche con le altre parti politiche e sociali. In questo contesto spero che il centrodestra locale e il Pdl in particolare, dopo le tante legnate prese negli ultimi due anni, sappia aprirsi a una fase nuova che superi l’isolazionismo autoreferenziale che lo ha contraddistinto e dia spazio a contributi nuovi, non necessariamente solo nella carta d’identità ma soprattutto nelle idee. A una sinistra spezzatino, oggi può e deve fare da contrasto un’anima moderata, fresca e coesa, unica vera speranza per il rilancio del nostro territorio.

Michele Carbogno

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Ancora bloccato l’appalto della galleria Pala Rossa tra Primiero e il Feltrino

La Comunità di Primiero e i Comuni del territorio scrivono alla Regione Veneto, alla Provincia di Trento, alla Provincia di Belluno e agli Enti...

Campi fotovoltaici sulle discariche dismesse. L’idea green di Legambiente favorita anche dal Recovery Fund

Cosa si potrebbe fare sulle superfici, teoricamente inutilizzabili, delle discariche sature, come ad esempio quella di Belluno in località Cordele, in via del Boscon,...

Vaccino anti covid. Settimana riservata alle seconde dosi

La Pfizer ha comunicato che, per il potenziamento della produzione di vaccini anti covid, lo stabilimento di Puurs in Belgio non riesce a consegnare...

Covid. Il direttore generale Ulss scrive alla Provincia. Padrin: «Intravvediamo la luce in fondo al tunnel. Ma vietato abbassare la guardia»

Belluno, 18 gennaio 2021 - Questa mattina il presidente della Provincia, Roberto Padrin, ha ricevuto una lettera dal direttore generale dell'Ulss 1 Dolomiti Adriano...
Share