13.9 C
Belluno
martedì, Gennaio 19, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Giovedì all'Insolita storia: Il suonatore di silenzio, performance ispirata al libro “Luminosa...

Giovedì all’Insolita storia: Il suonatore di silenzio, performance ispirata al libro “Luminosa signora” di Alfonso Lentini

Ispirata al libro “Luminosa signora” di Alfonso Lentini, “Il suonatore di silenzio” è la performance che giovedì 31 gennaio alle ore 20 si svolgerà all’Insolita storia di Belluno (via Zuppani 10) nella quale Rita Scafi e Sandro del Duca daranno vita a un loro particolare percorso fra le pagine del libro con letture e interventi musicali.

L'insolita storia Alla serata interverrà anche lo scrittore, già autore di libri come “Un bellunese di Patagonia”, “Cento Madri” e recentemente inserito nel volume su Belluno dell’”Antologia dei grandi scrittori del Nordest” curato da Francesco Piero Franchi.

Rita Scafi, insegnante di italiano al Renier, è stata tra le fondatrici del “Laboratorio Teatrale Arcidrama” di Belluno ed ha partecipato a spettacoli, performance e letture pubbliche.

Sandro Del Duca è attivo nel campo della musica popolare ed etnica, è membro del gruppo Al Tei, della Compagnia del Bel Bambin, dell’Orchestra Popolare delle Dolomiti e del gruppo di musica greca Ta Italakia.

“Luminosa signora, lettera veneziana d’amore e d’eresia” è stato pubblicato da Mauro Pagliai Editore nella collana “Biblioteca di Letteratura” fondata da Enzo Siciliano.

Ecco alcuni brani sul libro tratti da articoli e recensioni:

“Non è un caso se viene chiesto a Venezia di fare da fondale: la città doppia per antonomasia, marmo e acqua ad un tempo solo, è l’ideale scenografia per una storia che usa tutti gli strumenti dell’artigianato simbolistico per alimentare il suo mistero. Ci sono “suonatori di silenzio”, padri amati alla follia e finiti nella follia, ci sono macchine per fotografare i sogni e, naturalmente, mongolfiere.” (Michela Fregona, Corriere delle Alpi).

“È proprio in quel silenzio che segue la musica o il rumore e che si carica di significato e di ‘melodia’, che intende collocarsi la scrittura di Alfonso Lentini…” (Ilenia Appiciafuoco, in “Le Reti di Dedalus”, rivista del Sindacato Nazionale Scrittori).

“Una sorta di periplo e ricapitolazione di eroici furori. Lentini sa muoversi con eleganza tra il referenziale e il conativo, assecondando una sorta di ghiribizzo affabulatorio che affonda le sue radici negli autori siciliani eslege, da Pizzuto a Ripellino tanto per intenderci, veri e propri numi tutelari”. (Salvatore Ferlita, “La Repubblica”).

“Direi che ogni libro di Lentini è un incantesimo che ci conduce in una dimensione sospesa dove la realtà si dissolve nel sogno e il sogno nella realtà, i confini sono incerti, la consistenza delle cose si sfarina …” (Eva Di Stefano, Università di Palermo).

“La parola e la memoria sono il filo rosso di questo breve romanzo in forma di lettera che Alfonso Lentini ci consegna con la consueta levità formale unita a un pathos che addensa la trama di pensieri e immagini in uno sviluppo in progress e tuttavia non risolutivo.” (Saverio Vasta, L’indice dei libri del mese).

 

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Scuola parrucchieri, grafica, liceo sportivo. C’è ancora tempo per visitare la scuola, all’Istituto Leonardo Da Vinci

C'è tempo fino al 25 gennaio per scegliere la scuola superiore: l'Istituto Leonardo Da Vinci apre le porte alle famiglie, su prenotazione e in...

Ancora bloccato l’appalto della galleria Pala Rossa tra Primiero e il Feltrino

La Comunità di Primiero e i Comuni del territorio scrivono alla Regione Veneto, alla Provincia di Trento, alla Provincia di Belluno e agli Enti...

Campi fotovoltaici sulle discariche dismesse. L’idea green di Legambiente favorita anche dal Recovery Fund

Cosa si potrebbe fare sulle superfici, teoricamente inutilizzabili, delle discariche sature, come ad esempio quella di Belluno in località Cordele, in via del Boscon,...

Vaccino anti covid. Settimana riservata alle seconde dosi

La Pfizer ha comunicato che, per il potenziamento della produzione di vaccini anti covid, lo stabilimento di Puurs in Belgio non riesce a consegnare...
Share