13.9 C
Belluno
giovedì, Gennaio 21, 2021
Home Cronaca/Politica Fare, per fermare il declino. Mario Marchese: "abbiamo in programma un ciclo...

Fare, per fermare il declino. Mario Marchese: “abbiamo in programma un ciclo di conferenze in provincia”

Mario Marchese
Mario Marchese

“E’ andata come si immaginava, il porcellum ha dato agli elettori il suo risultato migliore, tutti i professionisti della politica, con il possibile rischio di una debacle del loro partito, si sono messi in testa alle liste, con qualche specchietto per le allodole qua e là”. Lo dice una nota congiunta regionale e provinciale del movimento Fare per fermare il declino.

“Loro e non la società civile saranno i protagonisti dal 26 febbraio a Roma, dove si prendono le decisioni – prosegue la nota – E loro sono quelli che ci hanno consegnato questa Italia, tartassata e ignorata per 12 anni e uccisa l’ultimo anno finanziariamente da Monti, l’unico tecnico che non lascia a fine mandato ma decide di rovinarsi la reputazione facendo da capolista al più antico carrozzone presente (Casini, Fini).

Cosa è rimasto della spending review, della rottamazione della politica, della soppressione delle costose provincie, della nuova legge elettorale? Il nulla. E loro che nulla hanno fatto per portare a termine o modificare queste questioni oggi parlano agli elettori di priorità e di riduzione delle tasse senza un programma preciso d’intervento.

Ma la società civile vediamo che non ci sta. Gli elettori e tanti amministratori locali che a loro devono rispondere stanno dicendo basta a questa presa in giro, il vaso è colmo e l’economia va raddrizzata ora, subito, perché non c’è più tempo.

Noi vogliamo parlare con chi non vuol votare, con gli elettori di Futuro e Libertà, Lega, e Pdl che hanno visto tradire le loro aspettative. Il debito pubblico si può abbassare, la spesa pubblica si può abbassare e solo così si potrà abbassare le tasse senza incidere sull’economia, sulla scuola e sulle pensioni. Il nostro è un programma (www.fare2013.it) chiaro e comprensibile dove non ci sono promesse ma ricette economiche e proposte concrete che hanno già fatto ritrovare alle persone quella voglia di partecipare al cambiamento che si sentiva nel 1994 ma che è stata disattesa da chi ha gestito male il nostro stato centrale”.

“Abbiamo in programma una campagna elettorale – dichiara Mario Marchese, candidato bellunese al Senato per FARE – che prevede un ciclo di conferenze in questa provincia per spiegare che l’Italia ce la può fare e che il voto è utile se spinge al cambiamento. Le date saranno rese note nei prossimi giorni alla stampa; il nostro è un invito a condividere e a FARE qualcosa di propositivo, perché tutti siamo responsabili e “fattivi” del futuro del nostro Paese.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Arpav nuovamente commissariata. Gruppo Pd Veneto: la tutela ambientale non è una priorità per la Regione”

Venezia, 21 gennaio 2021 - "Siamo sbalorditi dall'ennesimo cambio al vertice di Arpav, con l'Agenzia commissariata ad appena un anno e quattro mesi dall'insediamento del...

Sei aule nuove con i moduli prefabbricati al liceo Galilei. Bogana: «Nuovi spazi per il ritorno della didattica in presenza»

Si sono conclusi ieri i lavori di installazione dei moduli prefabbricati a liceo scientifico Galilei. Da lunedì le strutture posizionate nel cortile della scuola...

Nasce un sistema associato dei servizi sociali per 46 Comuni del Cadore, Agordino e Valbelluna. Domani la presentazione pubblica

Belluno, 21 gennaio 2021 - Costruire un sistema associato di servizi sociali di lungo periodo, ridurre la frammentazione per dare ai cittadini servizi più...

Il Comune di Feltre rinnova la convenzione con l’Auser per il servizio “Nonni vigili”

Feltre, 21 gennaio 2021 - Rinnovo in vista per il servizio di “Nonni vigili”. La giunta comunale ha infatti dato il via libera, nella sua...
Share