13.9 C
Belluno
martedì, Gennaio 19, 2021
Home Cronaca/Politica Incontro a Padova con i vertici dei carabinieri. Bond assicura: "La caserma...

Incontro a Padova con i vertici dei carabinieri. Bond assicura: “La caserma di Gosaldo non chiuderà i battenti”

Dopo la lettera-appello inviata a inizio dicembre ai vertici del Comando Legionale dei Carabinieri per il salvataggio della caserma di Gosaldo Agordino, il capogruppo del Popolo della Libertà in Consiglio regionale Dario Bond ha incontrato ieri pomeriggio a Padova nella sede di via Francesco Rismondo il generale di Divisione Sabino Cavaliere. Con loro anche il Tenente Colonnello Ettore Boccassini del Comando di Belluno.

Un confronto importante dal quale il consigliere regionale è uscito con importanti rassicurazioni e impegni precisi da parte dei vertici dell’Arma. “Innanzitutto la caserma di Gosaldo non chiuderà i battenti. Su questo il generale è stato molto chiaro”, riporta Bond. “L’ipotesi di lavoro e’ stata presa in considerazione per un piano futuro ancora tutto da definire, così come è avvenuto per il comprensorio del Comelico, con l’istituzione in Santo Stefano di Cadore di un Presidio dell’Arma, potenziato ed in grado di assicurare un incremento dei servizi esterni sul territorio. Per il momento, ogni ipotesi di questo tipo è stata rinviata”.

“Mi sento quindi di poter rassicurare il comitato spontaneo nato per scongiurare l’ipotesi di una chiusura”, sottolinea Bond. “Questi cittadini hanno dimostrato un grande senso civico lanciando un segnale importante che non è passato certo sotto traccia. Questo dimostra anche che le Istituzioni non sono insensibili alle istanze del territorio”.

Durante l’incontro – fissato dal generale Cavaliere dopo aver ricevuto l’accorato appello di Bond – si sono affrontate anche altre problematiche riguardanti la sicurezza in montagna: “Il generale Cavaliere ha anzi ribadito come sia stata potenziata la presenza dell’area nelle zone di montagna, aree che devono mantenere gli standard di sicurezza elevati degli ultimi anni”.

“Il generale mi ha ricordato come recentemente siano stati destinati al Comando provinciale 40 carabinieri che consentiranno di mantenere un alto livello operativo”, afferma Bond.

“Voglio ringraziare il Generale Cavaliere e il Tenente Colonnello Boccassini. Sono stati molto sensibili e non appena ricevuta la mia lettera mi hanno concesso un incontro. Questo conferma la grande vicinanza alle comunità dell’Arma”, conclude Bond.

Share
- Advertisment -

Popolari

Ancora bloccato l’appalto della galleria Pala Rossa tra Primiero e il Feltrino

La Comunità di Primiero e i Comuni del territorio scrivono alla Regione Veneto, alla Provincia di Trento, alla Provincia di Belluno e agli Enti...

Campi fotovoltaici sulle discariche dismesse. L’idea green di Legambiente favorita anche dal Recovery Fund

Cosa si potrebbe fare sulle superfici, teoricamente inutilizzabili, delle discariche sature, come ad esempio quella di Belluno in località Cordele, in via del Boscon,...

Vaccino anti covid. Settimana riservata alle seconde dosi

La Pfizer ha comunicato che, per il potenziamento della produzione di vaccini anti covid, lo stabilimento di Puurs in Belgio non riesce a consegnare...

Covid. Il direttore generale Ulss scrive alla Provincia. Padrin: «Intravvediamo la luce in fondo al tunnel. Ma vietato abbassare la guardia»

Belluno, 18 gennaio 2021 - Questa mattina il presidente della Provincia, Roberto Padrin, ha ricevuto una lettera dal direttore generale dell'Ulss 1 Dolomiti Adriano...
Share